Principi costituzionali e diritto penale
W - H

Ciao

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Corsi Online

Condividi questa pagina
2a Edizione 2019
Visualizzato 635 volte

Principi costituzionali e diritto penale

Calendario e LEZIONI contiene una lezione DEMO
Costo del corso (IVA incl.)

€ 89,00

E' possibile connettersi da qualsiasi device collegato ad internet.


Docente/i della materia:

Come iscriversi al corso

1 Clicca su "ISCRIVITI ORA" e segui le indicazioni che ti verranno proposte.

2 Dopo il pagamento il sistema indicherà che "SEI ISCRITTO" accedi quindi al "CALENDARIO"

3 Le lezioni saranno immediatamente disponibili e si attiveranno in progressione.

info Leggi la descrizione ed i contenuti del corso, il programma e il CV del docente/tutor.
Se cerchi un aiuto puoi contattare l'assistenza ai numeri indicati nella colonna a destra.

AttestatoCertificato di frequenzaDispenseTest a risposta multipla

La sempre maggiore complessità del sistema penale, frequentemente soggetto ad innesti e revirement nazionali o sovranazionali, obbliga l'interprete - per risolvere le questioni più discusse in dottrina e giurisprudenza - a rivolgersi ai principi fondamentali dell'ordinamento.

Questo Corso si rivolge agli studenti, ai ricercatori e ai concorsisti, che hanno la necessità di fondare basi solide su cui poggiare i propri studi giuspenalistici. Le stratificazioni normative e giurisprudenziali degli ultimi anni, infatti, hanno reso essenziale rivolgersi in primo luogo ai principi costituzionali e, solo in un secondo momento, alle varie normative di settore: solo così sarà possibile affrontare al meglio prove d'esame o la redazione di scritti giuridici di livello superiore.

Con il coordinamento dell'Avv. Andrea De Lia, Avvocato Cassazionista del Foro di Roma e i preziosi interventi del Prof. Adelmo Manna, Professore Ordinario di Diritto Penale presso l'Università degli Studi di Foggia, "Principi costituzionali e diritto penale" affronta e spiega l'origine e le sfumature dei quattro cardini del diritto penale moderno: il principio di legalità, di materialità, di colpevolezza e di ragionevolezza; completa il corso una lectio magistralis sulla funzione della pena, anche alla luce degli interventi della Corte EDU, con studi sul divieto del bis in idem e sulla recentissima legge cd. "spazzacorrotti".

Contenuti & caratteristiche del corso.


Tipologia di corso: online
Materie trattate:
  1. Diritto penale
  2. Diritto costituzionale
  3. Diritto penale comparato
  4. Storia del diritto penale

info Video-Lezioni: 10
info Dispense e schemi: 10
info Test di verifica: 52
info Attestato di frequenza: Previsto
info Certificato di frequenza: Previsto
info Crediti formativi: in attivazione

Tutte le attività sono equamente ripartite durante l'intera durata del corso mentre le lezione sono corredate di test (sempre equamente ripartiti) per le verifiche. Completando il corso saranno abilitate tutte le certificazioni previste, che comprendono:

  • Descrizione del corso
  • Programma svolto
  • Elenco e titoli dei docenti
  • Votazione per ogni lezione
  • Voto finale
  • Attestato di frequenza
Clicca qui per una demo

Le certificazione e attestati sono protocollati con un numero di registro univoco e conservati in copia presso FCD. Eventuali e diverse certificazioni, per esigenze accademiche o per concorsi, possono essere richieste separatamente e rilasciate a discrezione del Comitato Scientifico, per usi consentiti dalle leggi vigenti.

Come viene calcolato il voto in ogni lezione

Il voto di ogni lezione viene calcolato sulla base di risposte esatte e/o sbagliate.
Per ogni risposta sbagliata viene detratto 1 punto su base 30, ad esempio, se vengono sbagliate 2 domande su 3 il voto sarà di 28/30 fino ad un minimo di 18/30 (voto minimo per il superamento della lezione).
Il punteggio massimo si ottiene rispondendo esattamente alla prima domanda, il certificato conterrà tutte le lezioni con ogni singolo punteggio ed il voto medio finale conseguito.

Sono inclusi i TEST di verifica, a risposta multipla che accompagneranno il corsista con consigli e specifiche.

1.) Il principio di legalità - Parte 1/2

Dalle fonti del diritto penale al principio di irretroattività, passando per quello di tassatività e il problema dell'analogia in materia penale.

  • Il significato generale del principio.
  • Le fonti del diritto in materia penale.
  • I rapporti tra diritto sovrannazionale e diritto interno.
  • Le c.d. “norme penali in bianco”.
  • Il principio di determinatezza. Il concetto di “precisione”.
  • Il principio di tassatività.
  • Il problema dell’analogia in materia penale. Differenza tra interpretazione analogica e interpretazione estensiva. Interpretazione in bonam e in malam partem.
  • Irretroattività e lex mitior.
  • Uno sguardo alla giurisprudenza della Corte costituzionale e ai più recenti orientamenti della Corte di cassazione.

2.) Il principio di legalità - Parte 2/2

Dalle fonti del diritto penale al principio di irretroattività, passando per quello di tassatività e il problema dell'analogia in materia penale.

  • Il significato generale del principio.
  • Le fonti del diritto in materia penale.
  • I rapporti tra diritto sovrannazionale e diritto interno.
  • Le c.d. “norme penali in bianco”.
  • Il principio di determinatezza. Il concetto di “precisione”.
  • Il principio di tassatività.
  • Il problema dell’analogia in materia penale. Differenza tra interpretazione analogica e interpretazione estensiva. Interpretazione in bonam e in malam partem.
  • Irretroattività e lex mitior.
  • Uno sguardo alla giurisprudenza della Corte costituzionale e ai più recenti orientamenti della Corte di cassazione.

3.) I principi di materialità ed offensività - Parte 1/2

Il principio di offensività: confronto con gli istituti di parte generale e alcune figure di parte speciale.

  • Introduzione.
  • Il principio di materialità e le ipotesi critiche.
  • Il principio di offensività.
  • L’offensività rispetto ad alcuni istituti di parte generale ed alcune figure incriminatrici di parte speciale.
  • Il principio di offensività nella prospettiva del diritto penale “multilivello”.

4.) I principi di materialità ed offensività - Parte 2/2

Il principio di offensività: confronto con gli istituti di parte generale e alcune figure di parte speciale.

  • Introduzione.
  • Il principio di materialità e le ipotesi critiche.
  • Il principio di offensività.
  • L’offensività rispetto ad alcuni istituti di parte generale ed alcune figure incriminatrici di parte speciale.
  • Il principio di offensività nella prospettiva del diritto penale “multilivello”.

5.) Il principio di colpevolezza - Parte 1/2

Responsabilità oggettiva, gli orientamenti della Consulta e la colpevolezza nel sistema multilivello

  • Introduzione.
  • La responsabilità oggettiva nel Codice Rocco.
  • Gli orientamenti della Corte costituzionale.
  • L’approccio giurisprudenziale al principio ed il tema della c.d. “responsabilità oggettiva occulta”.
  • Il concetto di “colpevolezza” nel sistema “multilivello”.

6.) Il principio di colpevolezza - Parte 2/2

Responsabilità oggettiva, gli orientamenti della Consulta e la colpevolezza nel sistema multilivello

  • Introduzione.
  • La responsabilità oggettiva nel Codice Rocco.
  • Gli orientamenti della Corte costituzionale.
  • L’approccio giurisprudenziale al principio ed il tema della c.d. “responsabilità oggettiva occulta”.
  • Il concetto di “colpevolezza” nel sistema “multilivello”.

7.) Eguaglianza e ragionevolezza in materia penale - Parte 1/2

Gli orientamenti costituzioni e il meccanismo del c.d. “tertium comparationis”

  • Introduzione.
  • Gli orientamenti della Corte costituzionale.
  • Il meccanismo del c.d. “tertium comparationis”.
  • Ipotesi critiche al cospetto dei principi.

8.) Eguaglianza e ragionevolezza in materia penale - Parte 2/2

Gli orientamenti costituzioni e il meccanismo del c.d. “tertium comparationis”

  • Introduzione.
  • Gli orientamenti della Corte costituzionale.
  • Il meccanismo del c.d. “tertium comparationis”.
  • Ipotesi critiche al cospetto dei principi.

9.) La sanzione penale - Parte 1/2

Lo scopo della pena, l'ergastolo, la tenuità del fatto e ipotesi critiche.

  • Introduzione.
  • Lo scopo della pena.
  • La tenuità del fatto. Il comportamento riparativo post delictum.
  • L’ergastolo.
  • Le alternative alla pena detentiva.
  • Il trattamento penitenziario e la tutela dei diritti umani.
  • Ipotesi critiche al cospetto dei principi.
  • Uno sguardo al diritto e alla giurisprudenza sovrannazionale.

10.) La sanzione penale - Parte 2/2

Lo scopo della pena, l'ergastolo, la tenuità del fatto e ipotesi critiche.

  • Introduzione.
  • Lo scopo della pena.
  • La tenuità del fatto. Il comportamento riparativo post delictum.
  • L’ergastolo.
  • Le alternative alla pena detentiva.
  • Il trattamento penitenziario e la tutela dei diritti umani.
  • Ipotesi critiche al cospetto dei principi.
  • Uno sguardo al diritto e alla giurisprudenza sovrannazionale.

Andrea De Lia


Avvocato patrocinante in Cassazione e davanti alle Magistrature superiori, si occupa in prevalenza (in sede giudiziaria e di consulenza) di Diritto penale d’impresa, dell’economia, della pubblica Amministrazione, di misure di prevenzione e di responsabilità sanitaria; la clientela dello Studio è formata soprattutto da imprese e da soggetti pubblici.

Dottore di Ricerca in Diritto e Processo penale presso l'Università degli Studi di Macerata.


Adelmo Manna


Adelmo Manna è nato a Roma il 12 marzo 1951. È Professore ordinario di Diritto penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Foggia.

Nel 1976 ha vinto il concorso per assegnista del Ministero della Pubblica Istruzione ed ha esercitato tale funzione nel quadro dell’Istituto di Diritto Penale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Nel 1981 ha superato il giudizio di idoneità a ricercatore, poscia confermato, sempre presso l’Istituto di Diritto Penale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Nel 1992 ha vinto il concorso di seconda fascia, prendendo servizio il 1° novembre 1992, e, come Associato di Istituzioni di diritto e procedura penale presso l’Università degli Studi di Bari, negli anni accademici 1992/93 e 93/94. Negli anni accademici 94/95 e 95/96 è stato, invece, delegato dal Consiglio di Facoltà a ricoprire la cattedra di diritto penale presso la sede distaccata di Foggia. Nel 1996 lo scrivente ha anche superato il giudizio di conferma in ruolo.

Dall’anno accademico 1996/97, quando la Facoltà di Giurisprudenza di Foggia si è resa autonoma, sino all’attuale, trasferendo anche la propria cattedra da Bari a Foggia, è divenuto titolare dell’insegnamento di diritto penale, nonché, per supplenza, pure dell’insegnamento di diritto penale commerciale. Infine il 15 marzo 2000 ha vinto il concorso di prima fascia per il diritto penale continuando il servizio presso l’Università di Foggia ed il 3 dicembre 2003 è diventato ordinario.




libreria fcd

Manuali consigliati per questo corso

Set 2018
Prz. 19,20
Set 2017
Prz. 22,00
Set 2018
Prz. 15,20
Set 2018
Prz. 23,20
Set 2018
Prz. 46,40
Mag 2018
Prz. 17,60