Corso di Diritto Militare
W - H

Ciao

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Forze Armate

Condividi questa pagina
4a Edizione 2019
Visualizzato 2.429 volte

Corso di Diritto Militare

Calendario e LEZIONI contiene una lezione DEMO
Costo del corso (IVA incl.)

€ 149,00

E' possibile connettersi da qualsiasi device collegato ad internet.


Docente/i della materia:

Come iscriversi al corso

1 Clicca su "ISCRIVITI ORA" e segui le indicazioni che ti verranno proposte.

2 Dopo il pagamento il sistema indicherà che "SEI ISCRITTO" accedi quindi al "CALENDARIO"

3 Le lezioni saranno immediatamente disponibili e si attiveranno in progressione.

info Leggi la descrizione ed i contenuti del corso, il programma e il CV del docente/tutor.
Se cerchi un aiuto puoi contattare l'assistenza ai numeri indicati nella colonna a destra.

AttestatoCertificato di frequenzaDispenseTest a risposta multipla

Il corso introduttivo al diritto militare presenta una visione sistematica e coordinata delle norme, amministrative e penali militari, che regolano lo svolgimento dei rapporti di servizio nei nostri reparti.

Gli argomenti trattati saranno corredati da dispense dottrinali e giurisprudenziali, formulari utili e test di valutazione, con casi tratti dalla vita reale.

Il corso alterna video-lezioni e test di apprendimento, con dispense rilasciate direttamente dal docente per approfondimenti e precisazioni. Il docente può essere contattato tramite un apposito spazio interno al corso dedicato agli iscritti.

Scopo primario è l'insegnamento delle principali figure dottrinali dell'amministrazione militare e la disciplina comportamentale dei rapporti tra il soggetto e la P.A.

Al termine del corso, il corsista riceverà un attestato di frequenza, che certifica la sua conoscenza di base delle norme, non trattate in alcun testo o altro corso, che disciplinano il mondo militare. Tutte le attività sono monitorate da sistema e valutate in base al grado di apprendimento che sarà misurato con i test di affiancamento.


Dal momento dell'iscrizione è possibile seguire tutte le lezioni, anche più volte, senza limiti di tempo. Per passare alla lezione successiva è necessario superare una domanda a risposta multipla tratta dalla lezione seguita.

I contenuti del Corso rimangono a disposizione dei corsisti fino al download del certificato e dell'attestato di superamento del Corso.

Alla fine del corso viene rilasciato certificato esami con numero di protocollo (votazione espressa in trentesimi), al certificato sarà allegata una scheda informativa sul corso svolto.

Il personale militare che consegue una votazione finale, inserita nella certificazione, pari o superiore a 18/30 può presentare istanza di significatività ai sensi del p.to 3, lett. B, n. 2 della Circolare per la trascrizione matricolare.

Il certificato di superamento del corso è comprensivo di valutazione in 30esimi per ogni lezione e per il risultato finale.

Contenuti & caratteristiche del corso.


Tipologia di corso: online
Materie trattate:
  1. Diritto Amministrativo
    (lavoro pubblico non privatizzato)
  2. Diritto Penale Militare
    (sostanziale e processuale)

info Video-Lezioni: 8
info Dispense e schemi: 57
info Test di verifica: 81
info Attestato di frequenza: Previsto
info Certificato di frequenza: Previsto
info Crediti formativi: in attivazione

Tutte le attività sono equamente ripartite durante l'intera durata del corso mentre le lezione sono corredate di test (sempre equamente ripartiti) per le verifiche. Completando il corso saranno abilitate tutte le certificazioni previste, che comprendono:

  • Descrizione del corso
  • Programma svolto
  • Elenco e titoli dei docenti
  • Votazione per ogni lezione
  • Voto finale
  • Attestato di frequenza
Clicca qui per una demo

Le certificazione e attestati sono protocollati con un numero di registro univoco e conservati in copia presso FCD. Eventuali e diverse certificazioni, per esigenze accademiche o per concorsi, possono essere richieste separatamente e rilasciate a discrezione del Comitato Scientifico, per usi consentiti dalle leggi vigenti.

Come viene calcolato il voto in ogni lezione

Il voto di ogni lezione viene calcolato sulla base di risposte esatte e/o sbagliate.
Per ogni risposta sbagliata viene detratto 1 punto su base 30, ad esempio, se vengono sbagliate 2 domande su 3 il voto sarà di 28/30 fino ad un minimo di 18/30 (voto minimo per il superamento della lezione).
Il punteggio massimo si ottiene rispondendo esattamente alla prima domanda, il certificato conterrà tutte le lezioni con ogni singolo punteggio ed il voto medio finale conseguito.

Sono inclusi i TEST di verifica, a risposta multipla che accompagneranno il corsista con consigli e specifiche.

1.) Le fonti del diritto

  1. La norma interforze
  2. I regolamenti
  3. Gli ordini

Perché un corso di diritto militare?

In primo luogo perché si tratta di un settore del diritto che non è oggetto di formazione universitaria. Si tratta di un ambito assai specialistico, che vede la presenza di situazioni giuridiche soggettive estremamente peculiari.

Secondariamente è un ambito interdisciplinare. Infatti, il diritto militare norma i rapporti di servizio, ma lo fa attingendo da varie branche. Innanzitutto, questo è un diritto del lavoro, più specificamente è un diritto del lavoro pubblico non privatizzato.

Dunque, in esso si intrecciano sia le classiche figure della disciplina del rapporto di lavoro, pensate alla gestione delle malattie del lavoratore, alla tutela della genitorialità o alla sindacalizzazione.


2.) Le sanzioni disciplinari di corpo

  1. La disciplina di corpo
  2. Il procedimento disciplinare
  3. I rimedi

Approfondiamo uno degli argomenti che creano maggior litigiosità, sia essa processuale o gerarchica, nel contesto dei nostri reparti militari, ovvero le sanzioni disciplinari.
Vedremo come esse hanno concretamente perso il loro valore afflittivo sulla libertà personale del militare ma sono in grado di produrre assai rilevanti effetti di natura documentale.
Una sanzione disciplinare, d’altra parte, è pur sempre un indice che il militare non si è conformato ai doveri del suo stato e ciò ha riflessi di ampio spettro non solo sulle aspettative di carriera del militare, ma anche su interessi legittimi di immediata aspettativa. Pensate ad esempio alla mancata corresponsione dei premi in denaro legati al raggiungimento dei risultati


3.) Le sanzioni disciplinari di Stato

  1. La disciplina di stato
  2. Il giudicato penale

Sia le sanzioni disciplinari di corpo che di stato incidono sullo status di militare. Tuttavia, mentre le sanzioni di corpo incidono sullo status militi all’interno dell’organizzazione, limitando alcune facoltà o posizioni giuridiche del militare punito, le sanzioni di stato hanno per effetto il venire meno, temporaneamente o indefinitamente, dello status di militare. Come detto si tratta di sanzioni estremante pesanti che, come vedremo, hanno ripercussioni irreversibili sull’avanzamento di carriera del militare, quando non ne comportano l’espulsione.


4.) La documentazione caratteristica

  1. Riflessi sulla carriera
  2. Compilatore e revisore
  3. Modalità di redazione
  4. Rimedi

Il principio generale del diritto del lavoro che sta alla base della valutazione del pubblico impiegato prima (e del militare nello specifico) è insito nei poteri di vigilanza, di controllo e di organizzazione della parte datoriale. Oltreché da una prospettiva giuridica, la valutazione del personale assume rilevanza anche da un punto di vista di corporate governance. Qui gli studi sulla valutazione hanno portato a concludere che, affinché il sistema valutativo funzioni, bisogna agire su due piani. Da un lato le valutazioni devono saper riconoscere il contributo qualitativo e quantitativo assicurato da ogni lavoratore, oltre allo sviluppo ed al miglioramento nel tempo delle competenze detenute.


5.) I trasferimenti

  1. Tutela dell’individuo
  2. Tutela della famiglia
  3. I trasferimenti

Trattiamo i trasferimenti del personale militare.

Come sembra evidente, i militari sono pubblici impiegati particolarmente soggetti non solo a trasferimenti ma anche a vivere e lavorare lontano dai luoghi di origine. In parte perché questa scelta è stata da loro stessi compiuta implicitamente all’atto dell’arruolamento.

Chi sia originario dell’Umbria e scelga di arruolarsi in Marina, ben sa che, a limite, potrà aspirare ad Ancona o a Roma per poter lavorare vicino a casa.


6.) Il mobbing

  1. Generalità
  2. Il mobbing in ambito militare
  3. Dimostrare il mobbing
  4. I rimedi

Trattiamo la fattispecie del mobbing in ambiente militare. All’interno di questo insieme si suole includere una gran varietà di condotte.

Una di queste è il mobbing vero e proprio, cioè un insieme di comportamenti aggressivi di natura psicofisica e verbale, esercitati da un gruppo di persone, normalmente colleghi, nei confronti di altri soggetti.


7.) I reati militari

  1. Le figure di reato militare di maggior interesse
  2. L’ordinamento giudiziario militare

8.) Casi e questioni

  1. Massoneria
  2. Reati militari e querela
  3. Tatuaggi
  4. Ricevuta di atti presentati
  5. Rapporto con avvocati
  6. Reati dei finanzieri

In questo ultimo incontro ci occuperemo di alcune questioni di diritto militare, nascenti dalle domande e dalle consulenze più interessanti che ci vengono richieste periodicamente.

Insomma, spazieremo dal diritto amministrativo a quello penale militare, passando per il diritto vigente e per quello in via di formazione per dare spunti di riflessione e di approfondimento interessanti in materia di diritto militare.


Saverio Setti


Saverio Setti è Vice Dirigente (con grado di Capitano) presso il Ministero della Difesa.

Formatosi presso l'Accademia militare di Modena e la Scuola di Applicazione di Torino, dopo la laurea magistrale in Scienze strategiche ha proseguito gli studi all’Università di Torino laureandosi in Relazioni internazionali per poi completare la formazione con il terzo titolo di laurea presso la facoltà di Giurisprudenza, oltre a vari master e corsi in materia amministrativa e militare, nazionali ed internazionali.

Ha partecipato alla missione in Afghanistan ed ha lavorato come analista intelligence in Kuwait.

Autore di saggi scientifici di diritto amministrativo, diritto militare e diritto dell'intelligence per varie testate, presso Cammino Diritto è membro del Comitato Scientifico e docente di diritto amministrativo e di diritto militare.

Dal 2019 è membro, su invito, della Société Internationale de Droit Militaire et de Droit de la Guerre.




libreria fcd

Manuali consigliati per questo corso

Mar 2019
Prz. 21,60
Feb 2019
Prz. 19,20
Gen 2019
Prz. 14,40
Dic 2018
Prz. 180,00
Dic 2018
Prz. 33,60
Set 2018
Prz. 16,00