Concorso 5 posti di Avvocato professionista Ente Nazionale per l'Aviazione Civile

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2023 Cammino Diritto Srl Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

CD RC

CONCORSO 5 POSTI DI AVVOCATO PROFESSIONISTA ENTE NAZIONALE PER L'AVIAZIONE CIVILE

Condividi questa pagina
Inserito: mercoledì 28 dicembre 2022
Aggiornato: venerdì 3 febbraio 2023
È stato bandito un concorso pubblico, per titoli ed esami, a 5 posti di Avvocato professionista nei ruoli dell’ENAC – posizione economica 1 - di cui al vigente CCNL relativo al personale dell’Area Funzioni Centrali.

È stato bandito il nuovo Concorso ENAC 2022, bandito dall'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile. Il concorso prevede 114 posti per vari profili, tra cui:

  • 34 posti di funzionario;
  • 60 posti di ingegnere professionista;
  • 5 posti di avvocato professionista;
  • 12 posti di ispettore di volo;
  • 3 posti di medico chirurgo.

È possibile inoltrare la domanda di partecipazione entro il 26 gennaio 2023.

Quali sono i requisiti di partecipazione?

In base al profilo per cui si concorre è richiesto un titolo di studio diverso, può essere richiesta una laurea o un diploma, puoi consultare i bandi a fine articolo.

In particolare, per il profilo di avvocato professionista, possono partecipare coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sono in possesso dei requisiti sotto indicati:

a) laurea magistrale/specialistica in Giurisprudenza (LMG/01 o 22/S) ovvero diploma di laurea di “vecchio ordinamento” in Giurisprudenza o equiparate. Il titolo conseguito all’estero sarà considerato utile se corredato da una dichiarazione di equipollenza rilasciata dalla competente autorità italiana, dalla quale risulti a quale laurea italiana corrisponde ed a quale votazione, prevista per la laurea italiana, equivale la valutazione con cui è stato conseguito;

b) cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell’Unione Europea;

c) non aver riportato condanne penali o applicazioni di pena ai sensi dell’articolo 444 del Codice di procedura penale e non avere in corso procedimenti penali né procedimenti amministrativi per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione, né avere a proprio carico precedenti penali iscrivibili nel casellario giudiziale ai sensi dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre 2002, n. 313. In caso contrario, il candidato dovrà indicare nella domanda le condanne e i procedimenti a carico ed ogni eventuale precedente penale, precisando la data del provvedimento e l’Autorità Giudiziaria che lo ha emanato ovvero quella presso la quale penda un eventuale procedimento penale;

d) non essere stato destituito o dispensato dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stato dichiarato decaduto o licenziato per aver conseguito l’impiego pubblico mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, né di essere stato interdetto dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia;

e) posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari per i concorrenti di sesso maschile nati prima dell’anno 1986;

f) godimento dei diritti politici e civili;

g) idoneità fisica all’impiego.

Come si articola il concorso?

L’Ente si riserva la facoltà di far precedere la fase selettiva scritta da una prova preselettiva da svolgersi anche con modalità informatiche. Dopodiché il concorso prevede, lo svolgimento di:

  • prova scritta;
  • valutazione dei titoli;
  • prova orale.

In che cosa consiste la prova preselettiva?

La prova preselettiva consiste in un test da risolvere in 60 minuti, composto da 60 quesiti a risposta multipla, diretti a verificare le capacità logico-deduttive dei candidati ovvero consistenti in quesiti situazionali ed attitudinali, nonché la conoscenza delle seguenti materie:

  • diritto dell’Unione Europea;
  • diritto amministrativo e diritto processuale amministrativo;
  • diritto della navigazione – parte aeronautica;
  • diritto civile e procedura civile;
  • diritto del lavoro e legislazione sociale.

A ciascuna risposta è attribuito il seguente punteggio:

  • risposta esatta: + 1 punto;
  • mancata risposta o risposta per la quale siano state marcate due o più opzioni: 0 punti;
  • risposta errata: - 0,33 punti.

Non è prevista la pubblicazione della banca dati dei quesiti prima dello svolgimento della prova.

In che cosa consiste la prova scritta?

La fase selettiva scritta si articola in una prova scritta a contenuto teorico-pratico. La prova scritta, a contenuto teorico-pratico, è volta a valutare l'attitudine al ragionamento giuridico dei candidati, la capacità logico-tecnica di impostare analisi critiche di problemi complessi e di proporre soluzioni argomentate e verterà su tre distinti quesiti, di cui due quesiti saranno riferiti ad una o più delle seguenti materie ed argomenti:

  • diritto della navigazione – parte aeronautica;
  • diritto amministrativo;
  • diritto dell’Unione europea;
  • regolamenti e altra normativa dell’Unione Europea in materia di aviazione civile e tutela del passeggero;
  • diritto del lavoro e legislazione sociale.

Al fine di accertare la conoscenza della lingua inglese, il terzo quesito consisterà nella redazione di un sunto in lingua inglese di un testo in lingua italiana sul trasporto aereo.

Per lo svolgimento della prova scritta i candidati avranno a disposizione 240 minuti di tempo. La prova può svolgersi presso sedi decentrate e mediante l'utilizzo di strumenti informatici e digitali.

La valutazione dei titoli è effettuata dopo la prova scritta e prima che si proceda alla correzione dei relativi elaborati.

In che cosa consiste la prova orale?

La prova orale può essere svolta anche in videoconferenza e verterà sulle materie oggetto della prova scritta. Nel corso del colloquio orale verrà, altresì, verificata la specifica attitudine al ruolo del candidato mediante la sottoposizione di quesiti situazionali inerenti lo svolgimento dei compiti e delle mansioni del relativo profilo professionale, al fine di verificare sia le competenze tecniche che le capacità individuali, organizzative e relazionali dei candidati. Nella stessa giornata in cui sosterranno il colloquio, i candidati saranno sottoposti anche alla verifica relativa alle loro conoscenze dell’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche, nonché della lingua inglese.

Come si inoltra la domanda di partecipazione?

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata, esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), compilando il modulo elettronico sulla piattaforma dedicata, raggiungibile dal sito istituzionale dell’Ente all’indirizzo www.enac.gov.it. Per la partecipazione al concorso il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato.

La registrazione, la compilazione e l’invio della domanda di partecipazione dovranno essere completate entro il termine perentorio di trenta giorni, decorrente dal giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana – 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami – dell’avviso relativo alla pubblicazione del presente bando di concorso nel medesimo sito istituzionale dell’Ente. Se il termine di scadenza per l'invio on line della domanda cade in un giorno festivo, il termine sarà prorogato al primo giorno successivo non festivo. Sono accettate esclusivamente e indifferibilmente le domande inviate entro le ore 23:59 del termine indicato.

Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata la ricevuta del versamento di €10,00 - non rimborsabile - inserendo nella causale “contributo di partecipazione concorso avvocati ENAC” effettuato mediante pagamento sul c/c bancario intestato all’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile alle seguenti coordinate: IBAN: IT 29 Q 01005 03309 000000218300

I posti sono a tempo indeterminato?

Sì.

Quale sarà la sede di lavoro?

La sede di lavoro prevista è la Direzione Generale dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, sita in Roma presso Viale Castro Pretorio.

È previsto un periodo di formazione?

Sì, i vincitori saranno tenuti a frequentare con profitto il percorso formativo che sarà stabilito dall’Ente.