Concorsi enti locali Lombardia

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Eventi & Concorsi
Concorsi enti locali Lombardia


Condividi questa pagina
mercoledì 21 ottobre 2020

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i bandi di concorso per varie figure professionali in Lombardia. Aperti a diplomati e laureati.

Documenti ufficiali

CITTA' METROPOLITANA DI MILANO: Concorso Pubblico, per esami, per la copertura di complessivi n. 8 posti di Agente di Polizia Locale – Cat. C1, a tempo pieno e indeterminato, presso Città metropolitana di Milano (n. 3) e presso i Comuni di Assago (n. 2), Cusano Milanino (n. 1), Motta Visconti (n. 1), Vittuone (n. 1).

Scadenza: 19 novembre 2020 (ore 12.00). Titolo di studio richiesto: diploma.

REQUISITI DI AMMISSIONE:

a) godimento dei diritti civili e politici;

b) cittadinanza italiana, cittadinanza italiana secondo quanto disposto dal D.P.C.M. 174/1994 (sono equiparati gli italiani non appartenenti alla Repubblica);

c) iscrizione nelle liste elettorali;

d) titolo di studio: Diploma di scuola secondaria di secondo grado (Maturità) rilasciato da Istituti riconosciuti a norma dell’ordinamento scolastico italiano. L’eventuale equipollenza/equivalenza del titolo di studio deve essere precisata mediante indicazione della specifica disposizione normativa che la prevede, a cura e onere del candidato. Per i titoli di studio conseguiti all'estero occorre indicare gli estremi del Decreto Ministeriale di riconoscimento, oppure gli estremi del Decreto di equivalenza o equiparazione, rilasciato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Funzione Pubblica ex art. 38 D.Lgs 165/2001, precisando l'autorità, il numero di protocollo e la data del rilascio;

e) conoscenza della lingua INGLESE per integrare la prova orale;

f) non aver riportato condanne penali, né avere procedimenti penali in corso che precludano la costituzione del rapporto di pubblico impiego, oltre che non essere stati sottoposti a misure di prevenzione di cui al D.Lgs. 159/2011;

g) non essere stati destituiti, licenziati o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego nella Pubblica Amministrazione, né trovarsi in alcuna condizione di incompatibilità;

h) posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985 ai sensi dell’art. 1 Legge 226/2004;

i) avere un’età non inferiore agli anni 18 e non aver superato l’età prevista dalle vigenti disposizioni di legge per il conseguimento della pensione di vecchiaia; j) aver preso visione integrale del bando di concorso e accettare senza riserva alcuna tutte le condizioni contenute nel bando stesso;

l) idoneità psico-fisica come prevista dal Decreto Ministeriale del Ministero dell’Interno 198/2003 avente ad oggetto il “Regolamento concernente i requisiti di idoneità fisica, psichica e attitudinale di cui devono essere in possesso i candidati ai concorsi per l'accesso ai ruoli del personale della Polizia di Stato e gli appartenenti ai predetti ruoli”;

m) possesso dei requisiti occorrenti per il conseguimento della qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza di cui all’art. 5 – comma 2 – della Legge 65/86;

n) non essere stato ammesso a prestare servizio civile quale “obiettore di coscienza” ovvero aver rinunciato irrevocabilmente allo status di obiettore ai sensi dell’art. 636, comma 3, del D. Lgs. 66/2010;

o) espressa disponibilità al porto e all’uso dell’arma, essendo previsto che gli agenti di polizia locale svolgano le loro mansioni in servizio armato;

p) non trovarsi nella condizione di disabile ai sensi della Legge 68/1999, in quanto trattasi non solo di servizi amministrativi;

q) patente di guida di categoria A e B;

r) disponibilità alla conduzione dei veicoli in dotazione al Corpo di Polizia Locale (autoveicoli, motoveicoli, biciclette, ciclomotori e autocarri per trasporto di motoveicoli).

PROVA PRESELETTIVA:

Qualora il numero delle domande di partecipazione al concorso risultasse superiore a 100, si procederà ad una preselezione, predisposta sulla base dei criteri forniti dalla 6 Commissione esaminatrice, consistente in un test con domande a risposta multipla sulle materie d’esame, di cultura generale e psico-attitudinali da risolvere in un tempo predeterminato. Sono ammessi a sostenere le prove scritte quei candidati che, superata la prova preselettiva, si sono utilmente collocati nei primi 50 posti. Tutti i concorrenti che avranno conseguito lo stesso punteggio dell’ultimo candidato ammesso, saranno a loro volta ammessi al concorso. Il superamento del test preselettivo non dà luogo a punteggio. I candidati che non si presentano alla preselezione saranno esclusi dal concorso. Alla preselezione saranno convocati tutti coloro che avranno presentato la domanda nel termine stabilito. L’accertamento del possesso dei requisiti di ammissione al concorso sarà compiuto limitatamente ai candidati che abbiano superato la preselezione. Pertanto saranno ammessi a sostenere le prove d’esame i candidati che, essendosi classificati nella graduatoria della preselezione, siano risultati in possesso dei requisiti di ammissione al concorso.

MATERIE E PROVE D'ESAME:

Gli esami consisteranno in due prove scritte ed in una prova orale.

PRIMA PROVA SCRITTA:

Elaborato a contenuto teorico dottrinale vertente sulle seguenti materie:

- Nozioni di diritto e procedura penale;

- Codice della Strada e relativo regolamento di attuazione;

- Legge quadro polizia locale (Legge n. 65/1986) e normativa della Regione Lombardia in materia di Polizia Locale;

- Nozioni di polizia amministrativa, commercio, edilizia, ambiente;

- Normativa in materia di depenalizzazione (Legge 689/1981 e s.m.i.);

- Nozioni di diritto amministrativo;  ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000 e s.m.i.);

- Normativa in materia di anticorruzione (Legge 190/2012);

- Elementi in materia di trasparenza (D. Lgs. 33/2013) e accesso civico (D. Lgs. 97/2016);

- Legislazione in materia di tutela della privacy (D. Lgs. 196/2003 e regolamento Europeo n. 679/2016);

- Nozioni sulla legislazione del rapporto di lavoro, con particolare riferimento al rapporto di lavoro negli Enti Locali;

- Conoscenza dell’uso di apparecchiature ed applicazioni informatiche più diffuse Microsoft Office e Open Office. Per tutti i provvedimenti normativi citati si deve far riferimento al testo vigente alla data di pubblicazione del presente bando.

SECONDA PROVA SCRITTA:

Consisterà in un elaborato teorico-pratico sulle materie previste per la prima prova scritta.

PROVA ORALE:

Colloquio vertente sulle materie delle prove scritte. La commissione provvederà, altresì, all’accertamento della conoscenza della lingua inglese.

COMUNE DI VOGHERA: Concorso pubblico, per esami, per la copertura di undici posti di istruttore amministrativo, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato

Scadenza: 15 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: diploma.

REQUISITI DI AMMISSIONE:

Per l’ammissione al concorso il candidato deve essere in possesso dei seguenti requisiti generali:

a) età non inferiore ai 18 anni e non superiore all’età costituente il limite per il collocamento a riposo;

b) cittadinanza italiana; - oppure cittadinanza di uno degli Stati appartenenti all’Unione Europea; - oppure ai sensi dell’art. 38 del D.lgs. 165/2001, come modificato dall’art. 7 L. n.97/2013:

- essere familiare di cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, non avente la cittadinanza di uno Stato membro, con titolarità del diritto di soggiorno o di diritto di soggiorno permanente; oppure

- essere cittadino di Stati non appartenenti all’UE in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, o titolare dello status di “rifugiato”, o dello status di protezione sussidiaria; I cittadini non italiani devono possedere anche i seguenti ulteriori requisiti:

- godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza e di provenienza;

- essere in possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

- avere adeguata conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta; (la conoscenza della lingua italiana si intende “adeguata” nel momento in cui il candidato, in sede di esame, ne dimostra la conoscenza, nel caso di prove scritte attraverso la predisposizione di un elaborato lessicalmente ed ortograficamente corretto rispetto alle regole della lingua italiana al pari degli altri candidati. Nelle prove orali il medesimo dovrà essere in grado di sostenere il tenore del colloquio secondo le conoscenze della materia oggetto della prova in modo chiaro e comprensibile).

c) pieno godimento dei diritti civili;

d) iscrizione, per gli aventi diritto, nelle liste elettorali del comune di residenza, secondo le vigenti disposizioni di legge;

e) non aver riportato provvedimenti di destituzione o dispensa dall’impiego, ovvero non essere stati licenziati da una Pubblica Amministrazione per persistente, insufficiente rendimento o per la produzione di documenti falsi o dichiarazioni false, comunque con mezzi fraudolenti, commesse ai fini o in occasione dell’instaurazione del rapporto di lavoro;

f) non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e/o del vigente C.C.N.L. la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione, salvo sia stato estinto il reato, per il quale il concorrente è stato condannato, ovvero sia stata conseguita la riabilitazione, ai sensi dell’art. 178 del C.P., alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura concorsuale. Si precisa che la sentenza emessa ai sensi dell’art. 444c.p.p. (c.d. patteggiamento) è equiparata ad una pronuncia di condanna in applicazione dell’art. 445 c.1 bis c.p.p.;

g) posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985 ai sensi dell’art. 1 L. 23/8/2004 n. 226; h) idoneità fisica all’impiego per lo svolgimento delle mansioni del profilo professionale della presente selezione. L’Amministrazione, nell’ambito della sorveglianza sanitaria stabilita dalla legge, prima dell’assunzione, accerterà l’idoneità dichiarata alla mansione specifica. Il giudizio medico positivo è indispensabile ai fini dell’assunzione. A tale verifica saranno sottoposti anche gli appartenenti alle categorie protette, le cui condizioni di disabilità non dovranno essere incompatibili con le mansioni da svolgere. I candidati portatori di handicap, beneficiari delle disposizioni contenute nell’art. 20, commi 1 e 2 della Legge 5 febbraio 1992 n. 104 devono indicare nella domanda d’ammissione la propria condizione e specificare l’ausilio ed i tempi aggiuntivi eventualmente necessari per lo svolgimento delle prove d’esame, al fine di consentire all’Amministrazione di predisporre per tempo i mezzi e gli strumenti atti a garantire una regolare partecipazione alla selezione;

i) Diploma di maturità.

PROVA PRESELETTIVA:

Ai sensi dell’art. 9 del vigente Regolamento sulle procedure d’accesso all’impiego del Comune di Voghera qualora il numero delle domande valide per la partecipazione al concorso fosse superiore a cinquanta potrà essere effettuata una preselezione vertente sul programma delle prove concorsuali o in materia di cultura generale o di tipo attitudinale o comprendente due o più fattispecie tra quelle indicate, predisposte ed espletate anche da azienda specializzata. La prova preselettiva può consistere in un test o in un colloquio, individuale e/o di gruppo. Durante la prova non sarà consentita la consultazione di alcun testo. L’assenza o il ritardo del candidato alla prova preselettiva, qualunque ne sia la causa, comporterà l’esclusione dal concorso. La prova preselettiva servirà unicamente a determinare il numero dei candidati ammessi alle prove scritte, non costituendo punteggio né elemento aggiuntivo di valutazione di merito nel prosieguo del concorso. Nella preselezione, non è prevista una soglia minima di idoneità: sarà formata una graduatoria in ordine decrescente di punteggio e saranno ammessi alle successive prove concorsuali i primi 50 candidati classificati, compresi gli eventuali ex-aequo alla cinquantesima posizione.

PROVE D’ESAME – PROGRAMMA D’ESAME E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE:

La selezione ha l’obiettivo di accertare l’attitudine, le competenze e le conoscenze del candidato a svolgere le funzioni richieste alla figura professionale nel contesto organizzativo comunale. Le prove concorsuali consistono in una prova scritta, in una prova scritta a contenuto teoricopratico e in una orale di seguito definite:

PROVA SCRITTA:

La prova scritta può consistere nella stesura di un tema, di una relazione, di uno o più pareri, di quesiti a risposta sintetica, di test bilanciati da risolvere in un tempo predeterminato, nella redazione di schemi di atti amministrativi o tecnici, in quesiti a risposta multipla, tra cui il candidato deve scegliere. La tipologia della prova sarà scelta dalla commissione esaminatrice.

PROVA SCRITTA A CONTENUTO TEORICO PRATICO:

La prova scritta a contenuto teorico-pratico può consistere in redazione di progetti ed elaborazioni grafiche, individuazione di iter procedurali o percorsi operativi, soluzione di casi, elaborazione di schemi di atti, simulazioni di interventi, etc.. anche con l’ausilio di strumentazioni informatiche e comunque in prove strettamente afferenti il profilo professionale da ricoprire. La tipologia della prova sarà scelta dalla commissione esaminatrice.

PROVA ORALE:

Colloquio con accertamento delle competenze e della conoscenza a livello scolastico della lingua inglese e conoscenza e capacità di utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (videoscrittura, foglio elettronico, internet, posta elettronica). I predetti accertamenti di lingua e di informatica non determinano punteggio, ma solo giudizio di idoneità. I candidati durante le prove scritte potranno consultare i dizionari e testi di legge non commentati solo previa autorizzazione della commissione esaminatrice. Le prove verteranno - sulle seguenti conoscenze specialistiche:

- D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" con particolare riferimento all'ordinamento istituzionale;

- Principi generali in materia di ordinamento finanziario degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000 e D.Lgs. 118/2011).

- Ordinamento del lavoro alle dipendenze della Pubblica amministrazione (D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i. "Testo unico pubblico impiego"), il rapporto di pubblico impiego, in particolare il contratto nazionale di lavoro dei dipendenti degli enti locali, diritti, obblighi, responsabilità, codice di comportamento e codice disciplinare.

- Principi, strumenti e regole dell’attività amministrativa, con particolare riguardo a tipologie e forme degli atti, procedimento amministrativo, privacy, trasparenza, accesso.

- Normativa in materia di documentazione e certificazione amministrativa.(D.P.R. 28.12.2000 n.445).

- Nozioni in materia di anticorruzione ( L. 190/2012 e ss.mm).

- Nozioni di diritto Penale con particolare riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione.

- Nozioni fondamentali in materia di contratti (appalti) pubblici ( D.Lgs n.50/2016 e ss.mm ).

- Nozioni di diritto tributario e legislazione dei tributi locali.

- Nozioni sulla normativa in materia di servizi sociali e pubblica istruzione, con particolare riferimento alle competenze e al ruolo del Comune.

- Nozioni relative alla disciplina demografica ( anagrafe, elettorale, stato civile).

- Capacità di sviluppare ragionamenti e soluzioni o iter procedurali nell’ambito degli argomenti materia di esame.

- Comunicazione (capacità di ascolto e di interazione nelle dinamiche relazionali proprie del profilo).

Le due prove scritte ed il colloquio saranno valutati in trentesimi. Conseguono l’ammissione alla prova successiva i candidati che abbiano riportato nella prova precedente una votazione di almeno 21/30 ciascuna. Il punteggio finale del concorso sarà dato dalla media dei punteggi delle 2 prove scritte sommato al punteggio ottenuto nel colloquio (punteggio massimo 60/60).

COMUNE DI LIVIGNO: Concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di un posto di agente di polizia locale, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato, per il servizio sicurezza.

Scadenza: 19 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: diploma.

REQUISITI RICHIESTI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO:

1. Cittadinanza italiana o equiparata;

2. Appartenenza ad uno degli Stati membri dell’Unione europea, fatte salve le limitazioni indicate all’art. 38 del Decreto Legislativo 165/2001;

3. Età non inferiore ad anni 18 (diciotto);

4. Inesistenza di condanne penali o di stato d’interdizione o di provvedimenti di prevenzione o di altre misure, che escludono, secondo le leggi vigenti, l'accesso ai pubblici impieghi;

5. Godimento dei diritti civili e politici;

6. Assenza di licenziamento o dispense dall’impiego presso una pubblica amministrazione. Nel caso in cui l’aspirante abbia subito condanne penali passate in giudicato per reati che comportino la destituzione del personale dipendente presso le pubbliche amministrazioni, sarà valutata l’ammissibilità o meno alla procedura di accesso in relazione alla compatibilità tra la condanna penale e la natura delle funzioni connesse al posto da ricoprire;

7. Idoneità psicofisica attitudinale a ricoprire il posto. L’amministrazione ha la facoltà di far accertare il possesso da parte dei vincitori del requisito dell’idoneità psicofisica attitudinale per svolgere, continuativamente ed incondizionatamente, le mansioni proprie del profilo professionale per il qual è previsto l’inserimento;

8. Posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva e degli obblighi di servizio militare (per gli aspiranti di sesso maschile);

9. Titolo di studio: Diploma di maturità;

10. patente di guida di categoria A e B;

11. Conoscenza parlata e scritta della lingua italiana (se cittadino stranieri) e della lingua inglese;

12. Conoscenza e uso delle apparecchiature ed applicazioni informatiche più diffuse.

MATERIE D’ESAME:

- Ordinamento e funzioni delle polizia locale, secondo la legislazione nazionale e della Regione Lombardia ;

- Codice della strada e relativo regolamento;

- Elementi fondamentali sull’ordinamento delle autonomie locali D.Lgs.n.267/2000 - parte prima;

- Nozioni di diritto penale e procedura penale con particolare riferimento alla polizia giudiziaria;

- Legislazione in materia di applicazione delle sanzioni amministrative con particolare riferimento alla legge 24.11.1981 n.689 e successive modifiche ed integrazioni;

- Legislazione nazionale e della Regione Lombardia in materia di commercio e fiere, pubblici esercizi con particolare riguardo ai relativi provvedimenti sanzionatori;

- Competenze di polizia locale in materia di edilizia, urbanistica e tutele dell’ambiente;

- Legislazione in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso alla documentazione amministrativa;

PRIMA PROVA SCRITTA:

Stesura di un elaborato o domande a risposta scritta o soluzioni di quesiti sulle materie d’esame;

SECONDA PROVA TEORICO - PRATICA:

Consisterà in un elaborato scritto o nella redazione/compilazione di un atto relativo alle materie d’esame.

PROVA ORALE:

Consisterà in un colloquio su tutti o alcuni argomenti delle altre prove anche con riferimento agli elaborati redatti, nonché su tutti o alcuni dei seguenti ulteriori argomenti:

- diritti e obblighi del pubblico dipendente;

- accertamento della conoscenza della lingua inglese;

- accertamento della conoscenza dell’uso di apparecchiature ed applicazioni informatiche più diffuse (videoscrittura con Microsoft Word, foglio di calcolo di Microsoft Excel, navigazione internet e posta elettronica).

A ciascuna delle tre prove verrà attribuito un punteggio massimo di 30/30. Saranno ammessi alla prova orale solo i candidati che avranno riportato in ciascuna delle prime due prove una votazione di almeno 21/30. L’esito della correzione delle prove scritte sarà reso pubblico sul sito web del Comune di Livigno all’indirizzo www.comune.livigno.so.it –Amministrazione Trasparente – sez. bandi di concorso. Ai candidati ammessi sarà data comunicazione del voto riportato in ciascuna delle prove scritte. La prova orale s’intende superata se il candidato ottiene una votazione di almeno 21/30.

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE: Concorso pubblico, per esami, per la copertura di tre posti di agente di polizia locale, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato.

Scadenza: 15 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: diploma.

REQUISITI :

a) cittadinanza italiana ai sensi del D.P.C.M. n. 174/1994. I cittadini degli stati membri dell’Unione Europea ai fini dell’accesso ai posti della pubblica amministrazione devono:

− godere dei diritti civili e politici negli stati di appartenenza o provenienza;

− essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

− avere adeguata conoscenza della lingua italiana;

b) età non superiore all’età costituente il limite per il collocamento a riposo d’ufficio alla scadenza del presente bando;

c) godimento dei diritti civili e politici e, pertanto, non essere esclusi dall’elettorato politico attivo;

d) idoneità psico-fisica alle mansioni da ricoprire. Il Comune di Castiglione delle Stiviere ha facoltà di sottoporre a visita medica preventiva, anche in fase pre-assuntiva, i concorrenti utilmente collocati in graduatoria al fine di verificarne l’idoneità psico-fisica alle mansioni da svolgere;

e) per gli aspiranti di sesso maschile, nati entro il 31/12/1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi imposti dalla legge sul reclutamento militare;

f) assenza di condanne, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Capo I del Titolo II del Libro secondo del codice penale (delitti contro la P.A.);

g) assenza di procedimenti penali pendenti che impediscano la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;

h) non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una P.A. per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico, ai sensi dell’art. 127, comma 1, lettera d) del D.P.R. 10/01/1957, n. 3, ovvero ancora non essere stato licenziato da una Pubblica Amministrazione a seguito di procedimento disciplinare per scarso rendimento ovvero per aver conseguito l’impiego mediante produzione di documenti falsi o, comunque, con mezzi fraudolenti, secondo le disposizioni contrattuali vigenti per il comparto negoziale;

i) Possesso del diploma di maturità;

l) Possesso della patente B.

PROVA PRESELETTIVA E PROVE D’ESAME:

A) PRESELEZIONE:

Nell’ipotesi in cui pervenga un numero di domande di partecipazione superiore a 20, l'Amministrazione si riserva la possibilità di effettuare una prova preselettiva sulle materie previste dal presente bando. Saranno ammessi alle prove concorsuali i primi 20 candidati che nella prova preselettiva abbiano ottenuto una votazione minima, stabilita dalla Commissione prima dell’espletamento della prova medesima, che comunque non potrà essere inferiore ai 21/30. In caso di punteggio pari tra più candidati al 20° posto, si provvederà ad ammettere tutti i candidati che abbiano conseguito lo stesso punteggio. Il numero delle domande e i criteri di attribuzione dei punteggi verranno stabiliti dalla Commissione esaminatrice. In ogni caso, il punteggio ottenuto nella prova preselettiva non verrà preso in considerazione ai fini della graduatoria finale di merito, in quanto unicamente finalizzato all’accesso alle successive fasi concorsuali. L’esito della prova preselettiva verrà pubblicato tramite avviso sul sito web dell’Ente nell’apposita sezione dedicata al concorso e non verranno effettuate comunicazioni individuali.

B) PROVE D’ESAME:

Gli esami consisteranno in due prove scritte ed un colloquio.

B1) PROVE SCRITTE:

Le prove scritte verteranno sul programma d’esame di cui all’articolo successivo e potranno consistere, a scelta della Commissione esaminatrice, in una delle seguenti tipologie:

− svolgimento di un tema;

− prova a contenuto teorico-pratico, in cui i candidati sono chiamati ad esprimere nozioni teoriche e valutazioni astratte applicate a casi concreti. Potrebbero essere richiesti soluzioni di casi, elaborazione di schemi di atti, provvedimenti o verbali, accompagnati in termini significativi da enunciazioni teoriche o inquadrate in un contesto teorico;

− prova per questionario consistente in una serie di domande alle quali i candidati dovranno rispondere in maniera sintetica e/o in una serie di domande con risposte predefinite a scelta multipla, anche a carattere attitudinale.

La durata delle singole prove e le modalità di svolgimento delle stesse verranno stabilite dalla Commissione Esaminatrice. Il materiale occorrente per lo svolgimento delle prove d’esame verrà fornito dalla Commissione; non è consentito l’utilizzo di materiale diverso. Durante le prove scritte non sarà permesso consultare testi di legge e di regolamento, manuali, codici e simili. Sarà altresì vietato l’utilizzo di cellulari, computer portatili ed altre apparecchiature elettroniche. Tali apparecchiature dovranno essere depositate all’ingresso della sala dedicata alle prove. I candidati che, durante le prove, verranno sorpresi nell’utilizzo di tali apparecchiature, verranno immediatamente esclusi dal concorso.

B2) COLLOQUIO:

Al colloquio verranno ammessi solo i candidati che avranno superato entrambe le prove scritte con una votazione minima di 21/30. Il colloquio verterà sul programma d’esame di cui all’articolo successivo e consisterà in un colloquio individuale nel corso del quale i candidati verranno chiamati a rispondere a domande mirate ad accertare le loro conoscenze, la padronanza degli argomenti, la capacità di sviluppare ragionamenti. Durante la prova orale il candidato verrà sottoposto all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, mediante una semplice conversazione e/o la lettura e traduzione di un breve testo in lingua inglese, oltre che all’accertamento della conoscenza dell’uso di apparecchiature e di applicazioni informatiche tra le più diffuse (Office, Posta Elettronica, Internet). L’accertamento della lingua straniera e delle competenze informatiche, consistente in un giudizio di idoneità, non comporta l’attribuzione di alcun punteggio. Il colloquio si svolgerà in un locale aperto al pubblico di capienza idonea ad assicurare la massima partecipazione. La prova orale si intende superata con una votazione di almeno 21/30. La valutazione della prova orale verrà resa nota al termine della seduta della Commissione dedicata a tale prova mediante pubblicazione dell’elenco dei candidati esaminati con l’indicazione del punteggio da ciascuno riportato. Tali pubblicazioni hanno valore di notifica a tutti gli effetti. Il punteggio finale è dato dalla media dei voti conseguiti nelle prove scritte e della votazione conseguita nella prova orale.

COMUNE DI BEDIZZOLE: Concorso pubblico, per esami, per la copertura di un posto di istruttore direttivo amministrativo-contabile, categoria D, a tempo pieno ed indeterminato, per l'area economico-finanziaria.

Scadenza: 19 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: Laurea in giurisprudenza o economia.

REQUISITI PER L’AMMISSIONE ALLA SELEZIONE:

Per essere ammessi al concorso è necessario che i candidati siano in possesso dei seguenti requisiti:

1. Avere un’età non inferiore ad anni 18 alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di ammissione al concorso fissato con il presente bando e non superiore all’età costituente il limite per il collocamento a riposo;

2. essere in possesso della cittadinanza italiana (artt. 1 e 2 D.P.C.M. 174/94). I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono possedere, ai fini dell’accesso ai posti della Pubblica Amministrazione, i seguenti requisiti:

- godere dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o di provenienza;

- essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;

- avere adeguata conoscenza della lingua italiana.

3. Essere in possesso dell’idoneità psico-fisica all’espletamento delle mansioni proprie del posto a concorso. L’Amministrazione sottoporrà a visita medica il vincitore del concorso, al fine di verificare l’idoneità fisica alle mansioni da svolgere; 4. Avere il godimento dei diritti civili e politici e pertanto di non essere esclusi dall’elettorato politico attivo; 5. essere in posizione regolare con le leggi concernenti gli obblighi militari (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31.12.1985);

6. non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;

7. di non avere subito sanzioni disciplinari nel biennio antecedente alla data di presentazione della domanda e di non avere procedimenti disciplinari in corso qualora dipendenti di una Pubblica Amministrazione;

8. non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati licenziati a seguito di procedimento disciplinare e non essere stati dichiarati decaduti per aver prodotto documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;

9. Essere in possesso della patente di guida cat. “B” in corso di validità;

10. Essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

- Laurea in giurisprudenza o equipollente (magistrale o triennale);

- Laurea in economia e commercio o equipollente (magistrale o triennale).

PROVE D’ESAME E CALENDARIO:

La selezione dei candidati sarà effettuata da una apposita Commissione esaminatrice all’uopo nominata e avverrà sulla base di:

- due prove scritte

- una prova orale.

PROVE SCRITTE:

Le due prove scritte saranno volte ad accertare il possesso delle competenze proprie della professionalità ricercata e potranno consistere, a scelta della Commissione esaminatrice, nello svolgimento di un tema, nell’analisi o soluzione di un caso concreto, nella redazione di un elaborato, da redigersi anche mediante l’ausilio di strumenti informatici, nella formazione di schemi di uno o più atti amministrativi o tecnici oppure da più quesiti a risposta aperta e/o a risposta multipla con risposte già predefinite o da quesiti a risposta sintetica.

PROVA ORALE:

Consisterà in un colloquio individuale e sarà finalizzata ad accertare le conoscenze del candidato delle materie sotto indicate ed a verificare il possesso delle attitudini necessarie per il corretto svolgimento delle mansioni previste per il posto da ricoprire. Si prevede l’accertamento della conoscenza della lingua inglese (lettura, comprensione, traduzione frasi).

MATERIE D’ESAME:

Le prove d’esame verteranno sulle seguenti materie: Ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000), atti e provvedimenti amministrativi, procedimento amministrativo, il diritto di accesso ai documenti ed in particolare la Legge n.241/1990 Elementi di Diritto Amministrativo; Elementi di Diritto Costituzionale; Diritto penale, con particolare riferimento al libro primo del codice penale (Reati in generale), nonché ai delitti contro la pubblica amministrazione, contro la persona e contro il patrimonio; Normativa generale in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza (Legge 190/2012; D.Lgs. n.39/2013; D. Lgs. 33/2013) Normativa in materia di trattamento dei dati personali delle persone fisiche Ordinamento e disciplina contrattuale del lavoro alle dipendenze degli Enti Locali Ordinamento finanziario e contabile degli Enti Locali e disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di Bilancio (D.Lgs. n.118/2011 e s.m.i.) ed in particolare i principi contabili; Cenni sulla disciplina della fornitura di beni e servizi nell’Ente Locale; Il C.C.N.L. comparto funzioni locali triennio 2016-2018. Adempimenti fiscali e previdenziali degli Enti Locali Normativa in materia di IVA ed IRAP riferita agli Enti Locali Codice di comportamento dei dipendenti pubblici Diritti e doveri e responsabilità dei dipendenti pubblici Conoscenza della lingua inglese e dei principali strumenti informatici I concorrenti durante le prove scritte non potranno consultare testi di legge. I candidati non potranno portare nell’aula degli esami codici, libri, manoscritti, giornali, riviste e neppure alcun tipo di attrezzatura informatica, telefono cellulare, etc. Saranno ammessi a sostenere il colloquio i candidati che abbiano riportato almeno 21/30 in ciascuna prova scritta. La prova orale si intende superata con una votazione non inferiore a 21/30. Per essere inclusi nella graduatoria finale i concorrenti dovranno riportare in ciascuna delle prove d’esame un punteggio minimo non inferiore a 21/30.

COMUNE DI BARGHE: Concorso pubblico per la copertura di un posto di istruttore amministrativo, categoria C, a tempo parziale trenta ore ed indeterminato, area amministrativo-contabile.

Scadenza: 15 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: diploma.

REQUISITI DI AMMISSIONE:

I requisiti generali richiesti per partecipare alla selezione, da possedere alla data di scadenza per la presentazione della domanda, sono:

a) cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell'Unione Europea (sono equiparati ai cittadini italiani i cittadini della Repubblica di S. Marino e della Città del Vaticano). I cittadini degli stati membri della U.E. devono essere in possesso, ad eccezione della cittadinanza italiana, dei requisiti previsti dall’avviso di selezione e in particolare:

1) del godimento dei diritti politici nello Stato di appartenenza o provenienza;

2) di una adeguata conoscenza della lingua italiana;

b) compimento del 18° anno di età;

c) idoneità fisica all'impiego per il posto in selezione (l'Amministrazione sottopone a visita medica di idoneità i vincitori delle selezioni, in base alla normativa vigente);

d) non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

e) non essere stati licenziati da un precedente pubblico impiego, destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;

f) non essere stati dichiarati decaduti da un pubblico impiego ai sensi dell’articolo 127, 1° comma, lettera d) del D.P.R. del 10 gennaio 1957, n. 3;

g) non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con pubbliche amministrazioni;

h) non essere inadempienti rispetto agli obblighi di leva, se dovuti. I requisiti specifici richiesti per partecipare alla selezione, da possedere alla data di scadenza per la presentazione della domanda, a pena di esclusione, sono:

a) il titolo di studio di diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado di durata quinquennale (cinque anni);

b) conoscenza di una o più delle seguenti lingue straniere: inglese.

c) conoscenza nozioni per l’utilizzo dei seguenti strumenti informatici: Microsoft Word del pacchetto Microsoft Office e sistemi di videoscrittura (ad esempio: open office writer (apache openoffice ecc.) LibreOffice Writer del pacchetto LibreOffice WordPerfect: internet (in particolare google firefox) e posta elettronica e mail Pec (posta certificata);

d) patente guida tipo/categoria B;

e) dichiarazione di disponibilità ad effettuare il servizio in forma/gestione associata con altri comuni e/o aggregazioni di enti locali ivi compreso lo spostamento fisico il trasferimento o la dislocazione, per l’esercizio di detto servizio in forma associata, nella sede di altri comuni o enti locali.

PROVE D'ESAME:

PROVA PRESELETTIVA:

L’Amministrazione si riserva la facoltà, qualora il numero delle domande sia tale da non consentire l’espletamento del concorso in tempi rapidi, di effettuare una prova preselettiva ai fini dell’ammissione alle prove scritte. La prova potrà consistere nella soluzione di appositi quiz di tipo attitudinale e/o professionale sugli argomenti oggetto del programma di esame. Le prove, il numero massimo degli idonei da ammettere alle prove scritte ed il punteggio massimo attribuibile sono stabiliti dalla Commissione esaminatrice. In ogni caso il punteggio ottenuto nella prova preselettiva non viene preso in considerazione ai fini della graduatoria finale di merito, in quanto unicamente finalizzato all’accesso alle effettive fasi concorsuali. La notizia dell’effettuazione della prova preselettiva e il relativo esito saranno pubblicati tramite avviso sul portale istituzionale del Comune di Barghe www.comune.barghe.bs.it e non saranno effettuate comunicazioni individuali.

PROVE SCRITTE E ORALE:

La selezione si svolgerà sulla base di prove d’esame tese ad accertare le capacità pratiche e teoriche del concorrente, come di seguito indicate:

- Prova scritta pratica, attraverso la risoluzione di casi concreti di lavoro, sulle seguenti materie: 1) bilancio e contabilità enti locali 2) DUP documento Unico i programmazione ed allegati; 3) Fasi dell’entrata e fasi della spesa; regole per l’assunzione di impegni e l’effettuazione di spese; servizio di tesoreria - prova pratica conoscenza della lingua inglese; -prova pratica di informatica su conoscenza nozioni per l’utilizzo dei seguenti strumenti informatici: Microsoft Word del pacchetto Microsoft Office e sistemi di videoscrittura (ad esempio: open office writer (apache openoffice ecc.) LibreOffice Writer del pacchetto LibreOffice WordPerfect: internet (in particolare google firefox) e posta elettronica e mail Pec posta certificata Supereranno le prove scritte/pratiche e saranno ammessi alla prova orale i candidati avranno riportato punti 18 (diciotto) su 30 (trenta) punti complessivi disponibili.

- Prova orale, alla quale sono ammessi i concorrenti che avranno conseguito l’idoneità alle prove scritte/pratiche e da svolgersi in luogo aperto al pubblico, attraverso colloquio sulle seguenti materie 1) bilancio e contabilità enti locali (in particolare articoli da 147 a 268 ter testo unico enti lcali d. lgs. N. 267/2000) 2) legislazione pubblico impiego (in particolare il testo unico d. lgs. N. 165/2001). 3) obblighi pubblicazione e accesso civico d. lgs. N. 33/2013; 4) nozioni di informatica su Microsoft Word del pacchetto Microsoft Office e sistemi di videoscrittura (ad esempio: open office writer (apache openoffice ecc.) LibreOffice Writer del pacchetto LibreOffice WordPerfect: internet (in particolare google firefox) e posta elettronica e mail Pec posta certificata L’idoneità alla prova è conseguita con punti 18 (diciotto) su 30 (trenta) punti complessivi disponibili. Il calendario delle prove d’esame (con indicati la data, l’ora d’inizio ed il luogo di svolgimento delle medesime) verrà pubblicato sul sito web istituzionale informatico on line del comune www.comune.barghe.bs.it nella home ed all’albo pretorio informatico. Detta pubblicazione vale quale a tutti gli effetti di legge quale piena conoscenza e quale comunicazione ai candidati ai quali non verrà inviata nessun’altra notizia o comunicazione. Per sostenere le prove d'esame, i concorrenti dovranno presentarsi muniti di un idoneo documento di riconoscimento in corso di validità. I candidati che non si presenteranno a sostenere le prove d'esame, nei giorni, ora e sede prestabiliti saranno considerati rinunciatari della procedura concorsuale. Ai candidati non è dovuta né verrà trasmessa alcun’altra comunicazione in merito allo svolgimento delle prove.

COMUNE DI CORNAREDO: Concorso pubblico, per esami, per la copertura di 2 posti di istruttore direttivo amministrativo/contabile, categoria D, a tempo pieno ed indeterminato.

Scadenza: 16 novembre 2020. Titolo di studio richiesto: Laurea in giurisprudenza, economia, scienze politiche o ingegneria gestionale.

REQUISITI:

Possono partecipare alla selezione coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:

- Cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea; ai sensi dell’art. 38 D.Lgs. 165/01 e s.m.i, possono partecipare: i cittadini italiani o i cittadini di uno degli Stati Membri dell’Unione Europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro, che siano titolari del diritto di soggiorno oppure i cittadini di paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello stato di protezione sussidiaria (ai candidati non italiani è in ogni caso richiesta un’adeguata conoscenza della lingua italiana);

- Età non inferiore a 18 anni.

- Idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie del posto da ricoprire. L’Amministrazione ha facoltà di sottoporre a visita medica di controllo il vincitore del concorso, in base alla normativa vigente.

- Diploma di laurea vecchio ordinamento, anche di primo livello in base al nuovo ordinamento, in Giurisprudenza o Scienze Politiche o Discipline Economiche e Sociali o Economia e Commercio o Economia Politica o Scienze Statistiche ed Economiche o Scienze Economiche o Scienze Economiche e Sociali o Scienze della Amministrazione o Scienze Statistiche ed Attuariali o Scienze Economiche e Bancarie o Sociologia o Economia Aziendale o Ingegneria Gestionale o titoli di studio equipollenti ovvero titoli di studio equiparati (lauree specialistiche della classe D.M. 509/99 e lauree magistrali della classe D.M. 270/04). Il candidato dovrà indicare espressamente la norma che stabilisce l’equipollenza. Per i candidati che hanno conseguito il titolo in altro paese dell’Unione Europea, la verifica dell’equipollenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38 c. 3 del D.Lgs. 30.03.2001 n. 165. I titoli di studio dovranno essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana effettuata da un traduttore pubblico in possesso del necessario titolo di abilitazione.

- Patente di guida B;

- Godimento dei diritti civili e politici;

- Non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo e destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;

- Non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione;

- Non aver subito condanne penali, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel capo I del titolo II del libro secondo del codice penale, ai sensi dell’art. 35 bis D.Lgs. 165/01;

- Essere in regola nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31.12.1985, ai sensi dell’art. 1 Legge 23.08.2004 n. 226;

- Conoscenza della lingua inglese o francese (D.lgs. 25 maggio 2017, n.75);

- Conoscenza dell’uso delle apparecchiature informatiche e dei software più diffusi.

PROVE SCRITTE:

Le prove scritte saranno due e consisteranno:

- nella redazione di un elaborato e/o nella risoluzione di quesiti a risposta sintetica;

- nella redazione di un atto e/o nella risoluzione di un caso concreto. Le suddette prove saranno mirate a verificare la conoscenza delle materie sotto indicate, nonché l’attitudine del candidato all’analisi ed alla soluzione di problemi inerenti le funzioni dello specifico profilo professionale da ricoprire:

- Diritto costituzionale;

- Testo unico delle Leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000);

- Ordinamento finanziario e contabile degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000 e D.Lgs. 118/2011 e succ. modif. ed integrazioni) e relativa applicazione ed attività istruttoria;

- Principi contabili generali, principi contabili applicati della programmazione, alla contabilità finanziaria, alla contabilità economico-patrimoniale, del bilancio consolidato;

- Norme fiscali e previdenziali riferite agli enti locali con particolare riferimento all’ IVA e all’IRAP;

- Riscossione spontanea e coattiva delle entrate comunali;

- Normativa e gestione delle società e degli enti partecipati (D. Lgs. n.175/2016);

- Elementi di diritto commerciale e fallimentare;

- Contabilità economica;

- Tributi comunali;

- Attività contrattuale degli enti locali con particolare riferimento alle modalità di acquisizione di lavori, beni e servizi (Codice dei contratti pubblici D.Lgs. 50/2016);

- Sistema dei controlli per gli enti locali;

- Elementi sul procedimento amministrativo, con particolare riferimento al provvedimento amministrativo, sul diritto di accesso (L. 241/1990 e ss.mm. e D.P.R. 184/2006), sull’accesso civico e accesso civico generalizzato (D.Lgs. 33/2013 e ss.mm.) e in materia di documentazione amministrativa (D.P.R. 445/2000);

- Elementi di diritto penale, con riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione;

- Nozioni fondamentali in materia di pubblico impiego, con particolare riferimento agli enti locali (D.Lgs. n. 165/2001, D.Lgs. n. 150/2009, C.C.N.L. del comparto Funzioni Locali);

- Legislazione sui principali servizi erogati dal Comune;

- Diritto Amministrativo ed elementi sul procedimento amministrativo, con particolare riferimento al provvedimento amministrativo, sul diritto di accesso (L.241/1900 e ss.mm. e D.P.R. 184/2006), sull’accesso civico e accesso civico generalizzato (D.Lgs. 33/2013 e ss.mm.) e in materia di documentazione amministrativa (D.P.R. 445/2000);

- Nozioni in materia di anticorruzione e trasparenza (L. 190/2012 e D.Lgs. 33/2013 e ss.mm.);

- Nozioni in materia di tutela della privacy nelle Pubbliche Amministrazioni (Regolamento UE 2016/679 GDPR – Regolamento generale sulla protezione dei dati personali);

- Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.P.R. n. 62/2013); - S.u.a.p. (Sportello unico per le attività produttive): procedimenti amministrativi, normativa nazionale e regionale di riferimento per le attività commerciali, produttive, artigianali/artigianali di servizio, somministrazione di alimenti e bevande, commercio su aree pubbliche, manifestazioni temporanee, spettacolo viaggiante, agenzie di viaggio, attività funebre, attività ricettive, agriturismo, licenza di polizia ex pubblica sicurezza, servizio di trasporto pubblico non di linea.

PROVA ORALE:

Verterà sulle stesse materie della prova scritta. Il colloquio, che comprenderà anche l’accertamento della conoscenza della lingua inglese/francese e l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature informatiche e dei software più diffusi, è finalizzato a verificare le conoscenze tecniche specifiche e di cultura generale nonché l’attitudine del candidato allo svolgimento delle attività previste dal profilo professionale messo a concorso comprese le capacità organizzative e programmatorie. Nel colloquio si procederà anche alla verifica delle capacità e dei comportamenti richiesti dal ruolo da ricoprire nonché degli aspetti motivazionali.

ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI:

La Commissione disporrà di 30 punti per ciascuna prova scritta e 30 punti per la prova orale (comprensiva dell’accertamento della lingua inglese e dell’accertamento della conoscenza degli applicativi informatici). La Commissione procederà alla correzione della seconda prova scritta solo per quei candidati che hanno ottenuto almeno 21/30 nella prima prova. Conseguono quindi l’ammissione alla prova orale i candidati che in ciascuna delle due prove scritte avranno riportato una votazione di almeno 21/30. La prova orale si intende superata con una votazione di almeno 21/30.