Concorso SNA 2024 per 116 Allievi SNA (97 dirigenti)

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività iscriviti senza impegno.




Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2024 Cammino Diritto Srl Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto





CONCORSO SNA 2024 PER 116 ALLIEVI SNA (97 DIRIGENTI)

Condividi questa pagina

Aggiornato: giovedì 8 febbraio 2024

È stato indetto il concorso SNA 2024 finalizzato all’ammissione di 116 allievi dirigenti al 10 corso – concorso della Scuola Nazionale dell’Amministrazione.

Concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di centosedici allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di novantasette dirigenti nelle amministrazioni statali, anche a ordinamento autonomo, e negli enti pubblici non economici

Descrizione:

È indetto un concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di centosedici allievi al corso-concorso selettivo di formazione organizzato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione (di seguito SNA) per il reclutamento di novantasette dirigenti nelle seguenti amministrazioni:

  • Presidenza del Consiglio dei ministri: sei posti;
  • Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste: due posti
  • Ministero dell’economia e delle finanze: undici posti
  • Ministero delle imprese e del made in Italy: sette posti
  • Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: tre posti
  • Ministero dell’interno : undici posti
  • Ministero dell’istruzione e del merito: sei posti
  • Ministero dell’università e della ricerca: due posti
  • Ministero del lavoro e delle politiche sociali : un posto
  • Ministero della cultura: sette posti;
  • Ministero della difesa: due posti;
  • Ministero della giustizia - Archivi notarili: un posto;
  • Ministero della giustizia - Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria: due posti;
  • Ministero della giustizia - Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità: un posto;
  • Ministero della salute: un posto;
  • Ministero del turismo: otto posti;
  • Agenzia delle dogane e dei monopoli: undici posti;
  • Agenzia delle entrate: tre posti;
  • Agenzia industria difesa: tre posti
  • Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA): due posti
  • Agenzia per l’Italia digitale (AgID): due posti;
  • Ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC): un posto;
  • Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL): quattro posti.

Area geografica:

Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto


È stato promulgato il Decreto che concede l’autorizzazione alla Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) di indire il 10° concorso 2024.

Con il Decreto datato 30 novembre 2023, il Ministro per la Pubblica Amministrazione, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, ha concesso l’autorizzazione alla Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA), ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del DPR 16 aprile 2013, n. 70, per l’indizione del 10° corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale.

Si tratta della procedura per la selezione e formazione di allievi alla dirigenza nelle PA. Il bando autorizzato è finalizzato alla copertura di 97 posti nella qualifica di dirigente di seconda fascia nei ruoli amministrativi delle amministrazioni pubbliche.

Quanti sono i posti messi a concorso?

Nel dettaglio, il Decreto del 30 novembre autorizza la copertura di 97 posti presso vari Ministeri e enti, così distribuiti:

  • Presidenza del Consiglio dei ministri – 6 posti;
  • Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste – 2 posti;
  • Ministero dell’economia e delle finanze – 11 posti;
  • Ministero delle imprese e del made in Italy – 7 posti;
  • Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – 3 posti;
  • Ministero dell’interno – 11 posti;
  • Ministero dell’istruzione e del merito – 6 posti;
  • Ministero dell’università e della ricerca – 2 posti;
  • Ministero del lavoro e delle politiche sociali – 1 posto;
  • Ministero della cultura – 7 posti;
  • Ministero della difesa – 2 posti;
  • Ministero della giustizia – Archivi notarili – 1 posto;
  • Ministero della giustizia – Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – 2 posti;
  • Ministero della giustizia – Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità – 1 posto;
  • Ministero della salute – 1 posto;
  • Ministero del turismo – 8 posti;
  • Agenzia delle dogane e dei monopoli – 11 posti;
  • Agenzia delle entrate – 3 posti;
  • Agenzia industria e difesa – Ministero della difesa – 3 posti;
  • Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) – 2 posti;
  • Agenzia per l’Italia digitale – 2 posti;
  • Ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC) – 1 posto;
  • Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) – 4 posti.

Chi può partecipare alla procedura selettiva?

Possono partecipare al corso – concorso dirigenziale:

  • i candidati non dipendenti pubblici in possesso della laurea specialistica o magistrale oppure al diploma di laurea conseguito secondo l’ordinamento didattico previgente al D.M. 509/1999 e di un titolo di studio tra dottorato di ricerca o diploma di specializzazione oppure master di secondo livello;
  • i dipendenti pubblici in possesso di laurea specialistica o magistrale oppure di diploma di laurea conseguito secondo l’ordinamento didattico previgente al D.M. 509/1999 e di un’esperienza di lavoro almeno di 5 anni nella Pubblica Amministrazione in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso della laurea (almeno triennale).

Cosa prevede la procedura concorsuale?

La selezione è per titoli ed esami e prevede l’espletamento di una prova preselettiva, tre prove scritte e una prova orale che vertono sulle seguenti materie:

  • diritto costituzionale;
  • diritto amministrativo;
  • diritto dell’Unione europea;
  • economia politica;
  • politica economica;
  • economia delle amministrazioni pubbliche;
  • management pubblico e innovazione digitale;
  • analisi delle politiche pubbliche;
  • lingua inglese.

Come si svolgono le prove?

In base all’ultimo concorso SNA bandito, le prove sono così articolate:

PROVA PRESELETTIVA

La prova consiste in un test composto da 60 quesiti a risposta multipla comprendenti:

  • 12 quesiti situazionali: due per ciascuna delle 6 competenze indicate sopra;
  • 12 quesiti di ragionamento verbale e logico astratto;
  • 36 quesiti nelle seguenti discipline: diritto costituzionale (n. 3); diritto amministrativo (n. 5); diritto dell’Unione europea (n. 3); economia politica (n. 3); politica economica (n. 3); economia delle amministrazioni pubbliche (n. 2); management pubblico e innovazione digitale (n. 6); analisi delle politiche pubbliche (n. 5); quesiti di lingua inglese – livello B2 QCER (n. 6).

PRIMA PROVA SCRITTA

Della durata di 5 ore, consiste nello svolgimento di 4 quesiti così suddivisi:

  • 1 quesito nelle materie giuridiche (diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto dell’Unione europea);
  • 1 quesito nelle materie economiche (economia politica, politica economica, economia delle amministrazioni pubbliche);
  • 1 quesito nelle materie del management pubblico e innovazione digitale;
  • 1 quesito nelle materie dell’analisi delle politiche pubbliche.

SECONDA PROVA SCRITTA

Di tipo in-basket, dura 2 ore ed è finalizzata ad accertare le capacità e attitudini con rifermento alle competenze dei candidati, mediante la simulazione di situazioni di lavoro che richiedono l’esercizio del ruolo dirigenziale in un contesto organizzativo.


TERZA PROVA SCRITTA

Della durata di due ore e mezza, verte sulla redazione di una relazione in lingua inglese, relativa a una tematica attinente alla pubblica amministrazione. La relazione è formulata sulla base di un dossier distribuito ai concorrenti.


PROVA ORALE

Consiste in un colloquio volto a verificare:

  • il possesso delle competenze previste dalle Linee guida per l’accesso alla dirigenza pubblica;
  • il possesso delle conoscenze nelle materie delle prove d’esame;
  • la conoscenza della lingua inglese, verificata attraverso la lettura e la traduzione di un testo e mediante una conversazione, in modo da accertare il livello (B2 QCER) delle competenze linguistiche.

Quali sono le competenze richieste?

Il bando indica 6 competenze di base, la cui conoscenza viene accertata nelle prove concorsuali. Le sei competenze sono:

  • soluzione dei problemi;
  • gestione dei processi;
  • sviluppo dei collaboratori;
  • promozione del cambiamento;
  • decisione responsabile;
  • gestione delle relazioni interne ed esterne.

Come si inoltrerà la domanda di partecipazione?

La domanda di partecipazione al concorso per l’ammissione al corso-concorso SNA per dirigenti delle PA è telematica e potrà presentata tramite inPA, il nuovo portale per il reclutamento nella Pubblica Amministrazione. Per poter partecipare il candidato dovrà possedere le credenziali SPID, CIE, CNS o eIDAS e dovrà possedere anche un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) personale.

Quando esce il bando?

Il Decreto che autorizza il corso concorso SNA 2024 è in fase di registrazione presso la Corte dei Conti, per essere poi pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Successivamente alla pubblicazione in GU sarà bandita la procedura concorsuale.


Formazione Cammino Diritto