Concorso Ministero della Giustizia per 791 funzionari

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2023 Cammino Diritto Srl Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

CD RC

CONCORSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PER 791 FUNZIONARI

Condividi questa pagina
Inserito: venerdì 13 gennaio 2023
Aggiornato: venerdì 3 febbraio 2023
Pubblicato il bando di concorso Ripam-Giustizia per il reclutamento di complessive 791 unità di personale non dirigenziale a tempo indeterminato per il profilo di Funzionario.
Documenti ufficiali
BANDOGIUSTIZIA 791UNIT.PDF

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso per 791 funzionari da assumere a tempo indeterminato.

In particolare, i profili ricercati sono i seguenti:

  • n. 360 funzionari della professionalità pedagogica (Codice 01) da assegnare al Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità;
  • n. 413 funzionari della professionalità di servizio sociale (Codice 02) da assegnare al Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità;
  • n. 18 conservatori (Codice 03) da assegnare all’Ufficio centrale archivi notarili.

È possibile inoltrare la domanda di partecipazione entro il 13 febbraio 2023 fino alle ore 23:59 attraverso la procedura telematica disponibile sul portale inPA.

Quali sono i requisiti di partecipazione?

Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti che devono essere posseduti alla data di scadenza dei termini previsti per la presentazione della domanda di partecipazione, nonché al momento dell’assunzione in servizio:

  • cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell'Unione europea. Sono ammessi altresì i familiari di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell’Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno Stato membro, ma che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria, ai sensi dell’articolo 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Per i soggetti di cui all'articolo 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 essere in possesso dei requisiti, ove compatibili, di cui all'articolo 3 del decreto 7 febbraio 1994, n. 174 del Presidente del Consiglio dei ministri;
  • età non inferiore ai diciotto anni.

In particolare, per il profilo di Funzionario della professionalità pedagogica (Codice 01) è necessario il possesso dei titoli di studio di seguito indicati:

  • Laurea (L): L-19 Scienze dell’educazione e della formazione o titolo equiparato secondo la normativa vigente;
  • Laurea magistrale (LM): LM-50 Programmazione e gestione dei servizi educativi; LM-57 Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua; LM-85 Scienze pedagogiche; LM-93 Teorie e metodologie dell’e-learning e della media education, o titoli equiparati secondo la normativa vigente.

Per il profilo di Funzionario della professionalità di servizio sociale (Codice 02) è necessario il possesso dei titoli di studio di seguito indicati:

  • Laurea: L-39 Servizio sociale o titolo equiparato secondo la normativa vigente oppure diploma universitario in servizio sociale o diploma di assistente sociale conseguito ai sensi del DPR 15 gennaio 1987, n. 14 e in aggiunta - abilitazione all’esercizio della professione di assistente sociale e iscrizione all’albo professionale degli assistenti sociali, ai sensi della legge 23 marzo 1993, n. 84;
  • Laurea magistrale: LM-87 Servizio sociale e politiche sociali o titoli equiparati secondo la normativa vigente e in aggiunta - abilitazione all’esercizio della professione di assistente sociale e iscrizione all’albo professionale degli assistenti sociali, ai sensi della legge 23 marzo 1993, n. 84.

Per il profilo di Conservatore (Codice 03) è necessario il possesso dei titoli di studio di seguito indicati:

  • LMG/01 Giurisprudenza, 22/S Giurisprudenza o diploma di laurea in Giurisprudenza, senza equipollenti.

Come si articolerà il concorso?

Il concorso prevede il superamento di una prova scritta e di una prova orale.

  • Prova scritta: consisterà nella somministrazione di un test di 40 quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 minuti, con un punteggio massimo attribuibile di 30 punti. 25 domande sono volte a verificare la conoscenza dei candidati nelle materie inerenti il profilo per cui concorrono, 8 quesiti sono volti a verificare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale e 7 quesiti situazionali.
  • Prova orale: consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati.

In più, nella procedura concorsuale è prevista anche la valutazione dei titoli, distinta per i codici concorso, che verrà effettuata con le modalità previste dall’articolo 8 (Valutazione dei titoli e stesura delle graduatorie finali di merito), solo a seguito dell’espletamento della prova orale con esclusivo riferimento ai candidati risultati idonei alla prova e sulla base delle dichiarazioni rese dagli stessi nella domanda di partecipazione.

In cosa consiste la prova scritta?

La prova scritta, distinta per i codici di concorso, consisterà nella somministrazione di un test di n. 40 quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 (sessanta) minuti, con un punteggio massimo attribuibile di 30 (trenta) punti e si articolerà come segue:

a) una parte composta da n. 25 quesiti volti a verificare le conoscenze afferenti alle seguenti materie:

A. Profilo professionale funzionario della professionalità pedagogica (Codice 01):

  • ordinamento penitenziario con particolare riferimento al D.P.R. 22 settembre 1988, n. 448; d.lgs. 28 luglio 1989, n. 272; d.lgs. 02 ottobre 2018, n. 121;
  • elementi di pedagogia dell’età evolutiva con particolare riferimento ai fenomeni della devianza e della marginalità;
  • norme generali in materia di pubblico impiego, con particolare riferimento alle responsabilità, doveri e diritti dei pubblici dipendenti, codice di comportamento e sanzioni disciplinari.

B. Profilo professionale funzionario della professionalità di servizio sociale (Codice 02):

  • diritto penitenziario con particolare riferimento alle misure alternative e sostitutive alla detenzione e alle sanzioni di comunità, per adulti e minori, anche nella prospettiva sovranazionale;
  • modelli, tecniche e strumenti di metodologia del servizio sociale; • norme generali in materia di pubblico impiego, con particolare riferimento alle responsabilità, doveri e diritti dei pubblici dipendenti, codice di comportamento e sanzioni disciplinari.

C. Profilo professionale conservatore (Codice 03):

  • diritto privato;
  • diritto amministrativo;
  • norme generali in materia di pubblico impiego, con particolare riferimento alle responsabilità, doveri e diritti dei pubblici dipendenti, codice di comportamento e sanzioni disciplinari.

b) una parte composta da n. 8 (otto) quesiti volti a verificare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale

c) una parte composta da n. 7 (sette) quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell'ambito degli studi sul comportamento organizzativo.

In cosa consiste la prova orale?

La prova orale, distinta per codici concorso, consiste in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati nelle materie della prova scritta di cui all’articolo 6 del presente bando e inoltre sulle seguenti materie:

A. Profilo professionale funzionario della professionalità pedagogica (Codice 01):

  • elementi di diritto penale e di procedura penale;
  • elementi di criminologia e sociologia della devianza;
  • elementi di diritto pubblico ed amministrativo.
  • elementi di scienza dell’organizzazione;
  • conoscenza della lingua inglese attraverso una conversazione che accerti il livello di competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;
  • conoscenza e dell’uso delle tecnologie informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali;

B. Profilo professionale funzionario della professionalità di servizio sociale (Codice 02):

  • elementi di diritto penale, di procedura penale e di diritto di famiglia e dei minori;
  • etica e deontologia professionale dell’assistente sociale;
  • elementi di criminologia e sociologia della devianza;
  • elementi di diritto amministrativo;
  • conoscenza della lingua inglese attraverso una conversazione che accerti il livello di competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;
  • conoscenza e dell’uso delle tecnologie informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali;

C. Profilo professionale conservatore (Codice 03):

  • ordinamento del notariato e degli archivi notarili;
  • contabilità di Stato;
  • diritto tributario con particolare riguardo alle tasse e imposte indirette;
  • diritto del lavoro;
  • conoscenza della lingua inglese attraverso una conversazione che verifichi il livello di competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;
  • conoscenza e dell’uso delle tecnologie informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali.

Formazione Cammino Diritto