Concorso comune di Napoli 55 dirigenti

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

CD RC

CONCORSO COMUNE DI NAPOLI 55 DIRIGENTI

Condividi questa pagina
Inserito: mercoledì 10 agosto 2022
Aggiornato: giovedì 17 novembre 2022
Le prove scritte si terranno giorni 19-20-21 ottobre 2022.

AGGIORNAMENTO: Si terranno nei giorni 19-20-21 ottobre 2022 le prove selettive scritte, di cui all’art.6 del bando di concorso, secondo il seguente calendario, con convocazione alle ore 8:00:

Profilo TEC/DIR 19 ottobre 2022;
Profilo VIG/DIR 19 ottobre 2022;
Profilo INF/DIR 20 ottobre 2022;
Profilo COM/DIR 20 ottobre 2022;
Profilo LEG/DIR 20 ottobre 2022;
Profilo AMM/DIR 21 ottobre 2022.

Il Comune di Napoli ha pubblicato un bando per il reclutamento di 55 unità di personale dirigenziale a tempo indeterminato.

Quando scade il termine per presentare la domanda?

Il termine per presentare la domanda scade il 5 settembre 2022.

Come si deve presentare la domanda?

È possibile inviare la propria candidatura collegandosi attraverso l’indirizzo riportato sul sito internet istituzionale del Comune di Napoli raggiungibile all'indirizzo https://www.comune.napoli.it/bandi-di-concorso a partire dal 10 Agosto 2022.

In cosa consistono le prove di esame per il concorso da dirigente?

Il concorso è espletato in base alle procedure di seguito indicate, che si articolano attraverso le seguenti fasi: 1) due prove selettive scritte, una a contenuto teorico e l’altra a contenuto pratico;

2) una prova selettiva orale, per coloro che avranno superato le prove di cui al precedente punto 1).

Le prove sono valutate in centesimi e si intendono superate con un punteggio non inferiore a 70/100 (settanta/centesimi).

La votazione complessiva è determinata dalla somma dei punteggi riportati in ciascuna prova scritta (ossia da 70 a 100 per la prima prova scritta e da 70 a 100 per la seconda prova scritta), nella prova orale (ossia da 70 a 100) e del punteggio conseguito nella valutazione dei titoli di cui al successivo articolo 8 (ossia da 0 a 90).

Quali sono i requisiti per partecipare?

- essere dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, muniti del diploma di laurea (DL/LS/LM), che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del Diploma di Laurea. Per i dipendenti reclutati a seguito di corso-concorso, il periodo di servizio è ridotto a 4 anni;

- essere dipendenti di ruolo nelle pubbliche amministrazioni, in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione conseguito presso le Scuole di individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ed aver compiuto almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea;

- essere in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non ricomprese nel campo di applicazione dell’articolo 1, comma 2, del D.Lgs n. 165/2001, muniti del diploma di laurea, che abbiano svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;

- aver ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti del diploma di laurea;

In cosa consistono le prove scritte?

Le prove scritte sono volte ad accertare la preparazione del candidato sia sotto il profilo teorico sia sotto quello applicativo-operativo, nell’ambito delle materie relative alle diverse Aree di seguito specificate:

Area Amministrativa - Diritto amministrativo, con particolare riferimento alla disciplina del procedimento amministrativo e dei contratti pubblici; - Diritto costituzionale, con particolare riferimento al Titolo V della Costituzione; - Disciplina in materia di pubblico impiego; - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione; - Ordinamento istituzionale, contabile e finanziario degli Enti locali; - Sistema tributario degli Enti locali; - Normativa comunitaria, statale e regionale in materia di fondi strutturali; - Monitoraggio, rendicontazione e certificazione della spesa a valere su fondi comunitari, nazionali e regionali.

Area Informatica - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione; - Diritto amministrativo, con particolare riferimento alla disciplina del pubblico impiego e del codice dell’amministrazione digitale (CAD); - Disciplina dei contratti pubblici; - Ordinamento istituzionale, contabile e finanziario degli Enti locali; - Normativa in materia di trattamento dei dati personali; - Programmazione per il web - Metodologie e tecnologie per la sicurezza informatica; - Crittografia, firma digitale e posta elettronica certificata; - Reti telematiche, con particolare riferimento al Sistema Pubblico di Connettività (SPC); - Progettazione di sistemi informativi; - Basi di dati e sistemi di business intelligence; - Elementi di diritto penale, con particolare riferimento ai reati informatici.

Area Legale - Diritto Costituzionale; - Diritto Civile; - Diritto processuale Civile; - Diritto penale, con particolare riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione; - Diritto Amministrativo; - Diritto processuale amministrativo; - Diritto del lavoro, con particolare riferimento al Pubblico Impiego; - Ordinamento istituzionale, contabile e finanziario degli Enti locali; - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione; - Giustizia contabile.

Area Tecnica - Normativa urbanistica ed edilizia; - Pianificazione territoriale e paesaggistica; - Normativa in materia di contratti pubblici, con particolare riferimento alla gestione ed alla esecuzione dei contratti; - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (D.P.R. 327/2001); - Responsabile Unico del Procedimento, Direttore dell’Esecuzione del Contratto, Direttore dei lavori; - Diritto ambientale; - Scienza e tecnica delle costruzioni; - Infrastrutture e trasporti; - Normativa in materia di: patrimonio e demanio degli enti locali e loro gestione, progettazione opere pubbliche, viabilità e strade; progettazione e manutenzione del verde pubblico; edilizia sportiva, scolastica, sociale e cimiteriale; illuminazione pubblica; programmazione di servizi a rete; - Normativa in materia di tutela della salute, sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro; - Ordinamento istituzionale, contabile e finanziario degli Enti locali; - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione.

Area Sicurezza e Vigilanza - Nozioni di diritto costituzionale ed amministrativo; - Ordinamento istituzionale, contabile e finanziario degli Enti locali; - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione; - Procedimento amministrativo e relativi vizi di legittimità, diritto di accesso e trattamento dei dati personali (privacy); - Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro; - Normativa nazionale e regionale in materia di Polizia amministrativa, pubblici esercizi e commercio; attività produttive, spettacoli e intrattenimenti pubblici; - Nozioni in materia di contratti pubblici (lavori, servizi e forniture); - Testo unico delle leggi di Pubblica sicurezza; - Codice della strada e relativo regolamento di esecuzione; - Beni confiscati - Infortunistica stradale; - Polizia edilizia; - Polizia ambientale; - Polizia giudiziaria; - Nozioni in materia di pubblico impiego, diritti, doveri e codice di comportamento dei pubblici dipendenti; - Ordinamento amministrativo e contabile delle pubbliche amministrazioni.

Area Comunicazione - Diritto amministrativo, con particolare riferimento alla disciplina del procedimento amministrativo e dei contratti pubblici; - Ordinamento amministrativo e contabile delle pubbliche amministrazioni; - Nozioni di diritto costituzionale ed amministrativo; - Teoria e tecniche della comunicazione pubblica; - Comunicazione e marketing digitale; - Pianificazione della comunicazione interna ed esterna; - Strumenti e strategie comunicative digitali; - Utilizzo e gestione dei media tradizionali, digitali e dei social network; - Normativa in materia di privacy, trasparenza e anticorruzione.

La prima prova scritta, a contenuto teorico, consiste nello svolgimento di uno o più elaborati o nella risoluzione di più quesiti a risposta aperta o in una combinazione degli stessi su tematiche a carattere generale ed è volta a rilevare il grado di preparazione, nonché la conoscenza dei contenuti tecnici e dottrinali delle materie relative alle diverse Aree. Il tempo a disposizione dei candidati per lo svolgimento della prima prova scritta è di tre ore.

La seconda prova scritta, a contenuto pratico, è volta a verificare l’attitudine all’analisi e la competenza nella soluzione di problemi inerenti alle funzioni dirigenziali da svolgere, e consiste in una prova atta a rilevare la capacità del candidato di predisporre elaborati di contenuto pratico, quali atti amministrativi, pareri, progetti tecnici, illustrazione di procedimenti organizzativi e gestionali, approfondimenti su ipotesi concrete nelle materie relative alle diverse Aree.

Il tempo a disposizione dei candidati per la svolgimento della seconda prova scritta è di tre ore.

I candidati, durante le prove scritte, potranno consultare soltanto i dizionari di lingua italiana ed i testi di legge non commentati. Non potranno avvalersi di pubblicazioni, appunti di qualsiasi natura e telefoni cellulari o altri dispositivi mobili idonei alla memorizzazione o trasmissione dati o allo svolgimento di calcoli matematici, né potranno comunicare tra loro.

In cosa consiste la prova orale?

La prova orale è volta ad accertare la preparazione e la professionalità del candidato, nonché l’attitudine all’espletamento delle funzioni dirigenziali e consiste in un colloquio sulle materie previste per le diverse Aree di concorso dal precedente articolo 6, nonché sui seguenti ambiti di competenza:

1. capacità, attitudini e motivazioni individuali, anche attraverso prove, finalizzate alla loro osservazione e valutazione comparativa, definite secondo metodologie e standard riconosciuti;

2. capacità organizzative e manageriali in rapporto a specifiche situazioni proprie del ruolo dirigenziale;

3. codice di comportamento dell’Amministrazione; tipologie di responsabilità dirigenziale; normativa in materia di privacy, trasparenza e prevenzione della corruzione;

4. conoscenza, ad un livello avanzato, della lingua inglese; 5. conoscenza, ad un livello avanzato, in tema di tecnologie digitali ed informatiche, anche ai fini gestionali.