Concorso Agenzia delle Entrate 2320 posti

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

CONCORSO AGENZIA DELLE ENTRATE 2320 POSTI

Condividi questa pagina
Inserito: giovedì 23 dicembre 2021
Aggiornato: sabato 22 gennaio 2022
Le prove oggettive tecnico professionali si terranno nella settimana dal 7all´11 febbraio 2022.

Le prove oggettive tecnico-professionali del Concorso 2320 posti Agenzia delle Entrate avranno luogo nella settimana dal 7 all’11 febbraio 2022.

Il calendario e le sedi di svolgimento delle prove d’esame per i singoli codici concorso saranno pubblicati con valore di notifica a tutti gli effetti il giorno 21 gennaio 2022 nel sito internet dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it.

Come sono ripartiti i posti?

I posti sono ripartiti nei seguenti ambiti e procedure, identificati da codici, e per ciascun ambito sono indicati i requisiti di accesso.

1) Codice concorso CG 20 posti n. 20

Funzionario esperto in controllo di gestione con conoscenze specifiche in economia aziendale, ragioneria, pianificazione strategica, programmazione operativa, budgeting e controllo di gestione.

Titolo di studio: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze economiche (L-33) Scienze dell’Economia e della gestione aziendale (L-18); oppure: b) diploma di laurea in economia e commercio, conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: c) laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Materie d'esame: a) economia aziendale; b) ragioneria generale ed applicata; c) bilancio e finanza aziendale; d) organizzazione aziendale; e) pianificazione strategica, programmazione operativa, budgeting e controllo di gestione; f) ragioneria pubblica e contabilità di stato; g) elementi di statistica; h) elementi di diritto tributario; i) elementi di diritto commerciale; j) elementi di scienza delle finanze; k) elementi di diritto amministrativo.

2) Codice concorso PD 10 posti n. 10

Funzionario esperto in protezione dei dati personali con conoscenze specifiche in protezione dei dati: Regolamento europeo 679/16, Codice in materia di protezione dei dati personali, Codice dell'Amministrazione digitale, ISO 3100 e 27001.

Titolo di studio: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze dei servizi giuridici (L-14); Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione (L-16); (L-36); Scienze economiche (L-33) Scienze dell’Economia e della gestione aziendale (L18)oppure: b) diploma di laurea in giurisprudenza, economia e commercio conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: c) laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Materie d’esame: Diritto alla protezione dei dati personali, Diritto delle nuove tecnologie, Diritto amministrativo, Modelli di gestione del rischio.

3) Codice concorso Leg 70 posti n. 70

Funzionario esperto in attività legale con conoscenze specifiche in materia di diritto civile, penale e amministrativo, in particolare: rapporto di pubblico impiego, codice dell’amministrazione digitale, responsabilità amministrativo contabile, protezione dei dati, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, trasparenza, anticorruzione; esperti del relativo contenzioso in fase giudiziale, stragiudiziale e davanti alle autorità indipendenti; esperti nelle procedure di approvvigionamento in attuazione degli obblighi sanciti dal Codice dei contratti pubblici e nella gestione amministrativa e contabile dei contratti d’appalto.

Titolo di studio: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze dei servizi giuridici (L-14); oppure: b) diploma di laurea in giurisprudenza, conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: c) laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Materie d’esame: a) diritto amministrativo; b) diritto civile e commerciale; c) diritto del lavoro; d) diritto penale con particolare riferimento alla parte generale e ai reati contro la pubblica amministrazione e ai reati di falso in atti.

4) Codice concorso INTER50 posti n. 50

Funzionario esperto in fiscalità internazionale, con un elevato profilo tecnico specialistico con riguardo alle attività di consulenza giuridica, delle relazioni internazionali e delle attività di cooperazione internazionale. In particolare, effettua consulenza giuridica su tematiche di fiscalità internazionale, cura le attività di cooperazione internazionale e gestisce rapporti con gli organismi internazionali e con le amministrazioni fiscali estere.

Titolo di studio: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze dei servizi giuridici (L-14); Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione (L-16); Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36); Scienze economiche (L-33) Scienze dell’Economia e della gestione aziendale (L18); Statistica (L41); oppure: b) diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio, scienze statistiche conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: c) laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Materie d’esame: a) diritto tributario con particolar riferimento alla fiscalità internazionale; b) diritto dell'Unione europea e diritto internazionale; c) diritto commerciale; d) elementi di diritto amministrativo; e) elementi di diritto penale; f) contabilità aziendale; g) organizzazione e gestione aziendale; h) elementi di statistica; i) inglese, di cui si chiede una conoscenza elevata.

5) Codice concorso RTRIB2170 posti n. 2170

Funzionario esperto in materia fiscale con conoscenze specifiche in materia tributaria e contabilità aziendale che si occupa di attività di accertamento fiscale, contenzioso tributario, dichiarazioni fiscali, assistenza ai contribuenti, coordinamento e indirizzo nella lotta all'evasione fiscale.

Titolo di studio: a) laurea triennale (L) nelle seguenti classi di laurea o titolo equiparato: Scienze dei servizi giuridici (L-14); Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione (L-16); Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36); Scienze economiche (L-33) Scienze dell’Economia e della gestione aziendale (L18); oppure: b) diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio , conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge; oppure: c) laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Materie d'esame: a) diritto tributario; b) diritto civile e commerciale; c) diritto amministrativo; d) contabilità aziendale; e) organizzazione e gestione aziendale; f) scienza delle finanze; g) elementi di statistica.

Come si svolgeranno le prove?

La procedura di selezione prevede le seguenti fasi:

  1. prova oggettiva attitudinale;
  2. prova oggettiva tecnico-professionale;
  3. prova orale integrata da un tirocinio teorico-pratico.

Cos’è la prova oggettiva attitudinale?

La prova oggettiva attitudinale consiste in una serie di quesiti a risposta multipla e mira ad accertare il possesso da parte del candidato delle attitudini e delle capacità di base necessarie per acquisire e sviluppare la professionalità richiesta.

La prova è valutata in trentesimi. Sono ammessi alla prova oggettiva tecnico-professionale i candidati che riportano il punteggio di almeno 21/30 e rientrano in graduatoria nel limite massimo di cinque volte il numero dei posti per i quali concorrono. I candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria sono comunque ammessi alla prova oggettiva tecnicoprofessionale.

Cos’è la prova oggettiva tecnico-professionale?

La prova oggettiva tecnico-professionale consiste in una serie di quesiti a risposta multipla per accertare la conoscenza delle materie specificate nella tabella del relativo concorso, identificato con specifico codice, di cui al punto 1.1 del bando. La prova è valutata in trentesimi. Sono ammessi alla prova orale integrata dal tirocinio i candidati che riportano il punteggio di almeno 21/30 e rientrano in graduatoria nel limite massimo dei posti per i quali concorrono, aumentati fino al 30%. L’eventuale frazione decimale è arrotondata all’intero 14 per eccesso. I candidati che si collocano a parità di punteggio nell’ultimo posto utile in graduatoria sono comunque ammessi al periodo di tirocinio.

In cosa consiste il tirocinio teorico pratico?

Il tirocinio teorico-pratico si svolge presso gli uffici dell’Agenzia, in presenza o in modalità agile, ed è finalizzato a verificare nelle concrete situazioni di lavoro, sulla base di metodologie e criteri predeterminati dall’Agenzia, l’abilità del candidato ad applicare le proprie conoscenze alla soluzione di problemi operativi, nonché i comportamenti organizzativi. Qualora il tirocinio fosse svolto in modalità agile, il candidato dovrà avere a disposizione un personal computer con possibilità di accesso alla rete Internet, con le seguenti caratteristiche: sistema operativo Microsoft Windows 7 o superiore o macOS versione 10.13 o superiore, aggiornati con l’ultima versione disponibile delle patch di sicurezza e di sistema; disponibilità di un Internet browser aggiornato, es. Firefox, Chrome, Edge, Safari; presenza di un antivirus con definizioni aggiornate. Il tirocinio ha la durata di sei mesi ed è retribuito. Il responsabile dell’ufficio cui il candidato è assegnato organizza l’orario del tirocinio, di complessive 36 ore settimanali su cinque giorni lavorativi, anche in relazione alle esigenze di servizio.

L’esito del periodo di tirocinio è valutato dal responsabile dell’ufficio cui il candidato è assegnato.

La commissione di esame, tenendo conto della valutazione espressa sul tirocinio dal responsabile dell’ufficio, sottopone i candidati alla prova finale orale per valutarne la preparazione professionale, le attitudini e le motivazioni, anche con l’assistenza di personale esperto per lo svolgimento di prove comportamentali. La prova orale, che si svolgerà in videoconferenza da remoto o con modalità tradizionali (in presenza), verterà sulle materie specificate nella tabella del relativo concorso, identificato con specifico codice, di cui al punto 1.1 del bando.

Durante la prova orale si procede anche all’accertamento della conoscenza dell'uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese in ottemperanza a quanto stabilito nell’art. 37 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Per il concorso identificato con il codice INTER50 si richiede una conoscenza elevata dell’inglese. Per tale concorso il candidato può sottoporsi all’esame in un’ulteriore lingua straniera scelta nella domanda di concorso fra le seguenti: tedesco, spagnolo o francese.

Per il concorso identificato con il codice INTER 50 la commissione tiene conto, altresì, della qualificazione conseguita in materia di fiscalità internazionale mediante la partecipazione con profitto a corsi per dottorato di ricerca e a master universitari presso università italiane o estere nonché delle comprovate esperienze lavorative presso studi tributari internazionali o presso organismi internazionali di rilievo per le attività svolte dall'Agenzia delle Entrate. Tali titoli devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda di partecipazione. La valutazione finale è espressa in trentesimi. Superano la prova i candidati che hanno riportato il punteggio di almeno 21/30.

Ai tirocinanti è assegnata una borsa di studio di importo mensile pari a euro 1.450,00 lordi. Sull’ammontare dei ratei della borsa di studio sono effettuate le ritenute erariali previste dalla legge. Ai tirocinanti già dipendenti dell’Agenzia delle Entrate continua ad essere corrisposta, se più vantaggiosa, la retribuzione relativa alla fascia retributiva dell’area di appartenenza. Non compete loro il trattamento economico accessorio previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto Funzioni Centrali – periodo 2016-2018, né indennità di missione.