Concorso AUSL Modena: 18 collaboratori professionali cat. D

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Condividi questa pagina
domenica 12 settembre 2021
Il termine per presentare la candidatura per il concorso 18 collaboratori professionali cat. D presso l´AUSL Modena scade il 10 ottobre 2021.
Documenti ufficiali
CO0B4E~1.PDF

È stato pubblicato un concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di diciotto posti di collaboratore amministrativo professionale, categoria D, area economico-finanziaria indetto in forma congiunta tra l'Azienda USL di Modena, Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, Azienda USL di Reggio Emilia, Azienda USL di Parma, Azienda ospedaliero-universitaria di Parma e Azienda USL di Piacenza.

Quando scade il termine per presentare la domanda?

Il termine per presentare la candidatura scade il 10 ottobre 2021.

Come deve essere presentata la domanda?

Le domande di partecipazione al concorso dovranno essere presentate esclusivamente in forma telematica connettendosi al sito Internet dell’Azienda USL di Modena http://www.ausl.mo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/8003 e compilando lo specifico modulo on line seguendo le istruzioni per la compilazione ivi contenute, in applicazione dell’art. 1 comma 1, nonché degli artt. 64 e 65 del D. Lgs. 82/05 e s.m.i.

Quali sono i requisiti specifici per partecipare al concorso?

Diploma di Laurea di primo livello, conseguito ai sensi del vigente ordinamento universitario, appartenente ad una delle seguenti classi (ex D.M. n. 509/99 e ex DM n. 270/2004) equiparato ai sensi del Decreto in data 9/7/2009 del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7/10/2009 ovvero relativi Diplomi di scuole dirette a fini speciali di durata triennale e diplomi universitari equiparati ai sensi del Decreto interministeriale 11/11/2011, pubblicato su Gazzetta ufficiale n. 44 del 22/2/2012:

  • Scienze dell’economia e della gestione aziendale classi: n. 17 (DM 509/99) – L. 18 (DM 270/04)
  • Scienze economiche classi: n. 28 (DM 509/99) – L. 33 (DM 270/04)
  • Scienze statistiche classi n. 37 (DM 509/99) – L 41 (DM 270/04)

ovvero

Lauree specialistiche appartenenti ad una delle seguenti classi di laurea previste dal DM 28/11/2000

  • Finanza classi: 19/S
  • Scienza dell'economia classi 64/S
  • Scienze economiche per l'ambiente e la cultura classi 83/S
  • Scienze economico aziendali classi: 84/S
  • Statistica demografica e sociale classi: 90/S
  • Statistica economica, finanziaria ed attuariale classi: 91/S

ovvero

Diploma di Laurea Magistrale conseguito ai sensi del vigente ordinamento universitario, (ex D.M. n. 270/2004) appartenente ad una delle seguenti classi:

  • Finanza classi LM/16
  • Scienze dell'economia classi LM/56
  • Scienze economiche per l'ambiente e la cultura classi LM/76
  • Scienze economico aziendali classi LM/77
  • Scienze statistiche classi LM/82
  • Scienze statistiche attuariali e finanziarie classi LM/83

ovvero

Diploma di Laurea in Economia e Commercio, ed equipollenti, conseguito ai sensi del previgente ordinamento universitario (equiparati ai sensi del Decreto in data 9.7.2009 del Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca).

I titoli di studio conseguiti all’estero devono essere sottoposti ad una procedura di riconoscimento da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca in base a quanto stabilito dal D. Lgs. 9 novembre 2007, n. 206.

Si svolgerà la prova preselettiva?

In caso di numero elevato di domande, le Aziende si riservano la facoltà di far precedere le prove d’esame da una prova preselettiva. In tal caso l’Azienda capofila nominerà una Commissione di Esperti per l’espletamento della prova preselettiva.

La prova preselettiva sarà scritta e consisterà nella risoluzione, in un tempo predeterminato, di appositi quiz a risposta multipla vertenti sulle materie oggetto del presente concorso e indicate nel bando.

Il punteggio conseguito nella prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale di merito.

In cosa consisteranno le prove di esame?

Le prove di esame consisteranno in:

Prova scritta (punti 30): svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica o questionario a risposta multipla su: diritto costituzionale, amministrativo, civile, penale, (con particolare riferimento alla correlazione di tali materie coni il SSN), legislazione sanitaria nazionale e regionale; organizzazione delle Aziende Usl dell’Area Vasta Emilia Nord e contesto regionale di riferimento; ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni e normativa contrattuale, con particolare riferimento agli aspetti di gestione economica del rapporto di lavoro; codice dell’amministrazione digitale, responsabilità del pubblico dipendente, normativa in materia di contabilità pubblica con particolare riferimento alla normativa delle aziende sanitarie, elementi di economia sanitaria e percorso di budget, finanziamento delle aziende sanitarie pubbliche, flussi informativi economici sanitari.

Prova pratica (punti 20): consistente nella predisposizione di atti/documenti, soluzione di problemi, risposte a casi concreti connessi al profilo professionale a concorso.

Prova orale (punti 20): colloquio sulle materie oggetto della prova scritta e pratica. La prova comprenderà, oltre ad elementi di informatica, anche la verifica della conoscenza, almeno a livello iniziale, della lingua inglese.

La prova scritta e la prova pratica potranno consistere anche nella soluzione di quesiti a risposta sintetica o multipla.

Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30.

Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 14/20.

Il mancato raggiungimento della valutazione di sufficienza in una prova comporta l’esclusione dalle prove successive e quindi dalla procedura concorsuale.