Esame avvocato: pubblicato il decreto per l'orale rinforzato

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Eventi & Concorsi
Esame avvocato: pubblicato il decreto per l'orale rinforzato


Condividi questa pagina
lunedì 15 marzo 2021
Pubblicato il decreto 13 marzo 2021, n. 31 per l´orale rinforzato

A causa della straordinarietà e urgenza provocata dalla situazione di emergenza epidemiologica, si è ravvisata l’esigenza di introdurre una speciale disciplina per l’abilitazione alla professione forense nella sessione 2020, affinché si possano svolgere gli esami nel rispetto delle prescrizioni imposte al fine di contrastare la diffusione del virus COVID-19. Pertanto, è stato pubblicato il decreto-legge 13 marzo 2021, n. 31[1].

L’esame di abilitazione alla professione forense si svolgerà quindi mediante due prove orali:

La prima prova orale verterà sulla discussione di una questione pratico-applicativa, nella forma della soluzione di un caso per verificare le conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale, in una materia a scelta tra diritto vivile, diritto penale e diritto amministrativo.

Il candidato dovrà esprimere l’opzione mediante una comunicazione da trasmettere secondo le modalità che verranno indicate con decreto del Ministero della Giustizia. Il suddetto decreto verrà emanato entro trenta giorni dalla pubblicazione del decreto-legge 13 marzo 2021, n. 31

Per lo svolgimento del primo orale al candidato sono concessi trenta minuti per l’esame del quesito e trenta minuti successivi per la discussione. Durante l’esame preliminare del quesito il candidato può consultare i codici anche commentati con la giurisprudenza, le leggi e i decreti dello Stato.

La seconda prova orale deve durare non meno di quarantacinque minuti e non più di sessanta minuti e verterà nella discussione di brevi questioni relative a cinque materie scelte dal candidato tra cui:

  • una tra diritto civile e diritto penale, purché diversa dalla materia già scelta per la prima prova orale:
  • una tra diritto processuale civile e diritto processuale penale;
  • tre tra le seguenti: diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto dell'Unione europea, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico.

In caso di scelta della materia del diritto amministrativo nella prima prova orale, la seconda prova orale avrà per oggetto il diritto civile e il diritto penale, una materia a scelta tra diritto processuale civile e diritto processuale penale e due tra le seguenti: diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto dell'Unione europea, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico.


[1] https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/03/13/21G00041/sg