Corso-Concorso per 210 Allievi dirigenti SNA (Scuola Nazionale dell'Amministrazione)

Non sei ancora iscritto o non hai effettuato l'accesso.
Per seguire tutte le attività o le loro DEMO iscriviti senza impegno.

Versione 1.1.23 (Build ufficiale) (a 64 bit)
Copyright 2019 IPWeb Tutti i diritti riservati.

WebMaster Raffaele Giaquinto

Eventi & Concorsi
Corso-Concorso per 210 Allievi dirigenti SNA (Scuola Nazionale dell'Amministrazione)


Condividi questa pagina
lunedì 13 luglio 2020

Dopo il Decreto del 31 marzo 2020 della la Presidenza del Consiglio dei Ministri, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.50 del 30-06-2020 il bando di concorso completo. Iscrizioni entro il 15 luglio 2020.

preparati con i nostri corsi!
Documenti ufficiali

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.50 del 30-06-2020 il concorso pubblico, per esami, per l'ammissione di trecentoquindici allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di duecentodieci dirigenti nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo e negli enti pubblici non economici.

REQUISITI PER PARTECIPARE

  • aver conseguito una laurea specialistica o magistrale oppure del diploma di laurea conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509,
  • aver conseguit anche un dottorato di ricerca o di master di secondo livello o di diploma di specializzazione conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 27 aprile 2018, n. 80;

Possono partecipare anche

  • i dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, muniti di laurea specialistica o magistrale oppure del diploma di laurea conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, che hanno compiuto almeno cinque anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l'accesso alle quali è richiesto il possesso della laurea.

È necessario altresì possedere gli altri requisiti ordinariamente richiesti per i concorsi pubblici (Cittadinanza italiana, Idoneità fisica alla frequenza del corso-concorso, Godimento dei diritti civili e politici) e per i quali si rimanda alla lettura integrale del bando.

TERMINI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata entro il 15 luglio 2020, esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), compilando l'apposito modulo elettronico sul sistema «Step-One 2019», raggiungibile sulla rete internet all'indirizzo http//www.ripam.cloud previa registrazione del candidato sullo stesso sistema.

LA PROVA PRESELETTIVA

La prova preselettiva consiste in un test composto da sessanta quesiti a risposta multipla comprendenti quesiti di logica e situazionali (20) e quesiti nelle seguenti discipline: diritto costituzionale (4), diritto amministrativo (9), diritto dell'Unione europea (4), economia politica (4) politica economica (4) economia delle amministrazioni pubbliche (3), management pubblico (3), analisi delle politiche pubbliche (3), lingua inglese-livello B2 QCER (6).

Sono ammessi alle prove scritte i candidati classificati in graduatoria entro il 1.260° posto (corrispondente a quattro volte il numero degli allievi ammessi al corso-concorso) e i candidati che riportano lo stesso punteggio del candidato collocatosi al 1.260° posto.

LA PRIMA PROVA SCRITTA

La prima prova scritta consiste in un elaborato ed è diretta a verificare le conoscenze e le competenze dei candidati nelle materie giuridiche (diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto dell'Unione europea), l'attitudine al ragionamento giuridico, la capacità di impostare analisi critiche di problemi complessi e di proporre soluzioni argomentate, sulla base di un breve dossier distribuito ai candidati. Il dossier contiene documenti in lingua italiana e in lingua inglese e la traccia prevede anche una specifica domanda a cui deve essere fornita risposta in lingua inglese (livello atteso B2 QCER). È facoltà della commissione definire le dimensioni massime dell'elaborato.

LA SECONDA PROVA SCRITTA

La seconda prova scritta è volta a verificare le conoscenze e le competenze dei candidati nelle materie economiche e dell'analisi delle politiche pubbliche (economia politica, politica economica, economia delle amministrazioni pubbliche, management pubblico, analisi delle politiche pubbliche) e la loro capacità di impiegare gli strumenti e le metodologie di tali discipline al fine di formulare diagnosi e proposte argomentate in relazione a problemi attinenti alle attività delle pubbliche amministrazioni. La prova consiste nella redazione di un elaborato, sulla base di un breve dossier distribuito ai candidati. Il dossier contiene documenti in lingua italiana e in lingua inglese e la traccia prevede anche una specifica domanda a cui deve essere fornita risposta in lingua inglese (livello atteso B2 QCER). È facoltà della commissione definire le dimensioni massime dell'elaborato.

- Corso collegato